logo e-dicol@
Premio formazione 2000Anteprima Magazine Business newsletter economica dedicata agli operatori del settore industriale, terziario e agricolo che sviluppano i loro affari anche all'estero.
Vincitore del premio formazione 2000 Regione Lombardia, AFG - IFG
Anteprima  Magazine Business
Anteprima Magazine Business
n° 1/99

mailAnteprima

sommario

investimenti
E se il Consiglio d'amministrazione parla arabo?

europa
Ecip, con chi ne parlo?

agevolazioni
Credito d'imposta per le Pmi

certificazione
Ibis hotel, quando la Qualita' viene da lontano
Certificazione, facciamo un po' di chiarezza


schede paese
Brasile - Cina

fiere
gli appuntamenti di luglio e agosto '99

Indice dei numeri pubblicati | Torna ad E-dicol@ |

Agevolazioni Nazionali

Credito d'imposta per le Pmi

Vale per le nuove assunzioni operate dal 1° ottobre '97 fino al 31 dicembre 2000

E' stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 27 agosto '98 il decreto che definisce le modalita' per ottenere il credito d'imposta per le nuove assunzioni. Il bonus fiscale e' per le piccole e medie imprese che assumono nuovi dipendenti dal 1° ottobre '97 al 31 dicembre 2000 nelle seguenti aree dell'obiettivo 1 e dell'Abruzzo:
1) aree interessate dai patti territoriali;
2) aree urbane svantaggiate di Comuni con popolazione superiore a 120.000 abitanti che presentino indici socio economici inferiori rispetto alla media nazionale e alla media delle citta' cui appartengono;
3) Comuni montani e Comuni che appartengano alle aree di sviluppo industriale e ai nuclei industriali istituiti a norma del Testo Unico delle leggi sugli interventi nel Mezzogiorno;
4) isole minori.

I nuovi dipendenti devono essere iscritti alle liste di collocamento o di mobilita' o fruire della Cassa integrazione guadagni nei territori in obbiettivo 1. Le agevolazioni non si applicano ai settori esclusi dall'applicazione del regime de minimis (carbo-siderurgico, costruzione navale, trasporti, agricoltura e pesca) e sono cumulabili con altri benefici concessi fino al tetto di 60 milioni all'anno.
Il credito d'imposta spetta:
- nella misura del 50% per le assunzioni di dipendenti con contratti di lavoro a tempo pieno con scadenza almeno triennale;
- in misura proporzionale alle ore prestate rispetto a quelle del contratto nazionale e per un massimo di cinque dipendenti, per le assunzioni con contratti di lavoro a tempo parziale e determinato.
Questa agevolazione puo' essere fatta valere ai fini Irpef, Irpeg e Iva, per un importo complessivo comunque non superiore a 60 milioni annui in ciascuno dei tre periodi d'imposta successivi alla prima assunzione. Essa sara' pari a lire 10 milioni per il primo nuovo dipendente e a lire 8 milioni per io successivi. Le agevolazioni possono essere aumentate di un milione se le imprese beneficiarie aderiscono al sistema comunitario di ecogestione (Emas) o ad accordi di programma per la riduzione delle emissioni inquinanti, o creino prodotti con il marchio di qualita' ecologica Ecolabel, nonche' per talune categorie di imprese artigiane che si siano adeguate al decreto legislativo 626/94 e successive modifiche.

Per il riconoscimento del credito d'imposta i soggetti interessati devono presentare entro 30 giorni dall'assunzione del dipendente, mediante raccomandata, la richiesta al Centro di servizio delle imposte dirette e indirette di Pescara (via Rio Sparto 52/b). La domanda dovra' essere redatta secondo il modello che verra' pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.
Le domande saranno ordinate cronologicamente secondo la data di spedizione; a parita' di data di spedizione saranno scelte le richieste con data di assunzione piu' remota. Il Centro servizi comunichera' entro 30 giorni l'importo del credito d'imposta concesso.

Dati Anteprima.net