logo e-dicol@
Premio formazione 2000Anteprima Magazine Business newsletter economica dedicata agli operatori del settore industriale, terziario e agricolo che sviluppano i loro affari anche all'estero.
Vincitore del premio formazione 2000 Regione Lombardia, AFG - IFG
Anteprima  Magazine Business
Anteprima Magazine Business
n° 1/98

mailAnteprima

sommario

finanziamenti
Agevolazioni per chi va nei Paesi extracee

europa
Cambia la durata dei prestiti europei per gli investimenti
Jev, fare affari in Europa


europa
Ecip, che cos'e'?

incentivi
"Bonus" fiscale per Pmi commerciali e turistiche

europa
Jop, opportunita' per fare... Centro
Mais e granturco transgenici: ecco il regolamento per l'etichetta


certificazioni
Perche' si', anche nel campo alimentare?
HACCP, per l'Europa e' l'unico sistema di garanzia igienica valido


schede paese
Argentina

brevetti e marchi
Quando le informazioni in possesso di un'azienda sono protette?

Indice dei numeri pubblicati | Torna ad E-dicol@ |

Incentivi

"Bonus" fiscale per Pmi commerciali e turistiche

L'importo massimo e' di 50 milioni di lire per tre anni

Dal 1° luglio le piccole e medie imprese commerciali e turistiche possono fare domanda per godere delle agevolazioni fiscali previste dalla legge 449/97, art. 11. Ne possono beneficiare, in particolare, piccole e medie aziende che appartengono al settore del commercio esercitando la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, nonché le imprese turistiche, comprese le agenzie di viaggio, regolarmente iscritte al registro delle imprese della Provincia in cui e' ubicata la sede legale o principale dell'impresa, o che abbiano almeno presentato la domanda di iscrizione.
Come funziona questo tipo di incentivazione? Il contributo si utilizza sotto forma di "bonus" fiscale. In pratica, un "buono sconto" al momento dei versamenti fiscali. La misura massima concedibile delle agevolazioni, indipendentemente dalla dimensione o dalla localizzazione dell'azienda, e' pari al 20% del costo complessivo dei beni oggetto di investimento (al netto dell'Iva e di eventuali altre imposte) ed in ogni caso non puo' superare l'importo di 50 milioni di lire nel corso del triennio decorrente dalla data della prima concessione del contributo.
Il modulo di richiesta per le agevolazioni va inviato alla Camera di commercio della Provincia dove e' situata l'unita' locale in cui vengono utilizzati i beni per i quali si richiedono agevolazioni. Il modulo e' reperibile allegato alla circolare n. 915190 del 19 marzo 1998. Il ministero dell'Industria rendera' nota, tramite la Gazzetta ufficiale, la data di esaurimento dei fondi, a partire dalla quale non potranno piu' essere presentate richieste.

Dati Anteprima.net