logo e-dicol@
Premio formazione 2000Anteprima Magazine Business newsletter economica dedicata agli operatori del settore industriale, terziario e agricolo che sviluppano i loro affari anche all'estero.
Vincitore del premio formazione 2000 Regione Lombardia, AFG - IFG
Anteprima  Magazine Business
Anteprima Magazine Business
n° 1/98

mailAnteprima

sommario

finanziamenti
Agevolazioni per chi va nei Paesi extracee

europa
Cambia la durata dei prestiti europei per gli investimenti
Jev, fare affari in Europa


europa
Ecip, che cos'e'?

incentivi
"Bonus" fiscale per Pmi commerciali e turistiche

europa
Jop, opportunita' per fare... Centro
Mais e granturco transgenici: ecco il regolamento per l'etichetta


certificazioni
Perche' si', anche nel campo alimentare?
HACCP, per l'Europa e' l'unico sistema di garanzia igienica valido


schede paese
Argentina

brevetti e marchi
Quando le informazioni in possesso di un'azienda sono protette?

Indice dei numeri pubblicati | Torna ad E-dicol@ |

Europa

Cambia la durata dei prestiti
europei per gli investimenti


Prevista anche una durata quinquennale

La Bei (Banca europea per gli investimenti), ha rimodulato le condizioni di durata dei propri prestiti. In passato, i prestiti rivolti alle imprese industriali o terziarie avevano una durata variabile tra gli 8 e i 10 anni. Oggi la Bei prevede anche prestiti di durata quinquennale.
Nel caso dei prestiti globali, in occasione del contratto di provvista, la Banca intermediaria fissa due o tre periodi di durata compresi tra un minimo di 5 ed un massimo di 10 anni, lasciando poi al negoziato con il mutuatario la fissazione della durata del singolo mutuo. Tale durata e' comprensiva di un periodo di preammortamento che puo' essere di un anno nel caso di mutui quinquennali o di durata non molto superiore, o di due anni nel caso di mutui decennali o di durata di poco inferiore. Nel caso dei prestiti diretti, durata e periodo di preammortamento sono negoziati tra la Bei ed il mutuatario caso per caso. Per gli investimenti in infrastrutture la durata del prestito puo' essere prolungata a dodici anni e, in casi particolari, anche fino a 20 anni. In questi casi la durata del preammortamento sara' di tre anni.

IMPRENDITORIA FEMMINILE, APERTO IL BANDO

Dal 1° luglio e' stato aperto il terzo bando per la domanda di agevolazioni previste dalla legge 212/92 che incentiva l'imprenditoria femminile. Le facilitazioni previste consistono sia in contributi in conto capitale che in finanziamenti agevolati che varieranno a seconda della zona nella quale verranno effettuati gli investimenti.
Jev, fare affari in Europa

E' un programma di finanziamento per accordi fra piccole e medie imprese dell'Unione

La Commissione europea ha dato il via al programma Jev che finanzia societa' miste (consorzi, partecipazioni, joint venture) fra piccole e medie imprese dell'industria, dei servizi, dell'artigianato e del commercio purché appartenenti a Stati dell'Unione. Il contributo ammonta, con massimale di 100mila Ecu, al 50% delle spese ammissibili per la concezione e la costituzione dell'impresa comune e al 10% dell'investimento da realizzarsi da parte della nuova Pmi costituita. Tra le spese coperte al 50% rientrano:

· gli studi (di mercato, per l'impatto ambientale, per la preparazione del contesto giuridico, normativa tecnica, business plan);
· "intervenienti" esterni (giuristi, contabili, consulenti, ecc.) nonché onorari e spese di trasporto e di soggiorno;
· "intervenienti" interni all'azienda: forfait giornaliero e spese di trasporto e di soggiorno.
La domanda per accedere al programma Jev deve essere presentata tramite un intermediario finanziario alla Commissione, che verifica gli obiettivi dell'iniziativa specialmente sul piano occupazionale.

Il contributo accordato viene versato, tramite l'intermediario finanziario, a queste condizioni:
· per quanto riguarda il 50% delle spese ammissibili (max 50.000 Ecu), anticipo rimborsabile del 50% (max 25.000 Ecu) all'atto dell'accettazione del fascicolo da parte della Commissione;
· restante 50% (max 25.000 Ecu) viene versato su presentazione delle pezze giustificative e sulla base di una relazione finale.
Dopo l'accettazione di tali documenti da parte della Commissione, l'anticipo rimborsabile viene convertito in sovvenzione.

Dati Anteprima.net