Rimini/ Ancora un grande progetto!

tuffo-mareIn un articolo del 31 luglio, accennavamo al caso di una nostra amica residente in Germania che aveva chiesto all'assessorato al turismo, in vista delle vacanze, notizie sullo stato del mare riminese. Alla signora, era stato risposto in maniera tranquillizzante, dicendo che "andava tutto bene" e non vi era alcuna preoccupazione. Salvo in caso di pioggia. La signora, molto intelligentemente, aveva risposto in maniera ironica, augurandosi che non piovesse mai. Certamente sarebbe molto stupita nel leggere sui giornali di oggi il piano per il "salvataggio" del mare di Rimini.

Piano predisposto dal Comune ed affidato ad Hera, per la modica cifra di circa 120 milioni di euro. Consiste nello scaricare le fogne, prolungando le condotte, a un paio di chilometri dalla costa. A parte la ragionevolezza del principio fisico di "scaricare al largo", quello che colpisce non è tanto la cifra o il principio,  quanto il fatto che il risultato che si otterrà tra ben 5 anni, è di rendere balneabili due degli oltre tre chilometri attualmente interdetti in caso di pioggia. A pensarci bene è veramente incredibile. Ben che vada, fra 5 anni (ma saranno sicuramente di più), la capitale del turismo balneare (si fa per dire), si troverà comunque con circa un chilometro di spiaggia non balneabile. Ovviamente in caso di pioggia.

Pur di fronte a questa situazione, riferiscono gli stessi giornali, della  "grande soddisfazione" del neo-sindaco Gnassi per "aver risolto il problema" (!). Ci chiediamo: aver risolto cosa? Secondo noi proprio niente. In ogni caso  non c'è proprio nulla da fare, ormai, come abbiamo detto più volte, Berlusconi ha fatto scuola anche nel nostro piccolo paesello affacciato sul mare Adriatico. (Nella foto: in esclusiva, il progetto del Comune di Rimini per rendere balneabile, fra cinque anni, la riviera)

w.

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net