Anche nell’Età della Catastrofe c’è spazio per le buffonate (specialmente in Italia)

images3Come qualche lettore avrà notato, il “Cancelliere” definisce gli anni che stiamo vivendo come “Età della Catastrofe”. Questo termine definisce bene la drammaticità del periodo storico che stiamo vivendo. Anche gli eventi delle ultime ore (lo spettro del default europeo, quello non meno incombente degli Stati Uniti, la strage di Oslo) sembrano confermarlo appieno. Tuttavia, anche nei drammi più spietati, c’è sempre posto per un pizzico di farsa o sarebbe meglio dire di buffonata ed in questo l’Italia è maestra. Citiamo solo un paio di esempi.
 
Oggi a Monza, alla presenza di poche decine di attivisti, sono state aperte le “sezioni staccate” dei ministeri promessi da Bossi ai suoi elettori, come pegno del raggiunto federalismo. Una volta tanto, i commentatori presenti, si sono trovati d’accordo nel definire l’evento “patetico” e “ridicolo”. Poche stanzette senza telefono e con due PC, sarebbero i ministeri decentrati. Unito a ciò, la presenza delle foto di Bossi giovane (!!!) e le statuette di Alberto da Giussano, hanno reso ancora più deprimente questa scenetta che, non si sa bene come, il gran capo della Lega vuole gabellare come un suo successo. Sarà, ma pensiamo che anche il più affezionato elettore leghista, non prenderà molto bene quella che sembra a tutti una vera e propria presa per i fondelli.

Scendendo di latitudine, veramente esilarante è stata la quasi contemporanea performance della governatrice del Lazio: Renata Polverini. Questa, per recarsi alla fiera del peperoncino (incredibile ma vero!) di Rieti, ha utilizzato nientemeno che un elicottero. Pare per la modica spesa di 15.000 euro. Alla domanda di un giornalista sulla ragionevolezza di questa spesa, l'accompagnatore della bollente ex sindacalista, ex missina, ex finiana e ora (si spera definitivamente) berlusconiana, ha minacciato di dare due schiaffi all’interlocutore. Questo almeno secondo le agenzie di stampa.
 
Evidentemente, il Lazio, in quanto a governatori, non è molto fortunato, perchè dopo Marrazzo anche la Polverini si sta distinguendo per atteggiamenti non troppo ortodossi. Comunque, se nell’Età della Catastrofe qualcuno ha ancora voglia di farsi due risate (amarognole e a mezza bocca...), può sempre contare sull’Italia. E’ una consolazione da poco, ma meglio di niente...(Nella foto: giustificato l'utilizzo di qualsiasi mezzo pur di partecipare alla sagra)
 w     
   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net