Politica internazionale/ Sulla Libia, Bossi non ha capito niente. I suoi elettori invece...

Un paio di settimane fa, ascoltando uno dei primi telegiornali del mattino sono rimasto di sasso. Bossi che da parecchi è definito con un certo rispetto come uomo che sa vedere le cose, stava parlando delle faccende libiche, come si faceva in quei giorni prendendosela con la Francia e, testualmente, diceva che i francesi con le loro azioni aeree stavano uscendo dal mandato dell'Onu. E così facendo perseguivano il disegno di sottrarci rapporti economici con quel Paese scaricandoci addosso anche le masse di profughi. Tutto questo, unito all'offerta pubblica di acquisto della Parmalat appena fatta da una multinazionale francese, costituiva un vero e proprio complotto contro di noi.

Mi è proprio sembrato che l'uomo stesse straparlando ed assieme a lui straparlasse, anche se con minore intensità, il nostro premier. Alcuni giorni dopo tutto rientrava e contro i francesi non preparavamo più una nuova guerra. Anzi tornavamo a dichiarare anche una rinnovata impertitura amicizia, sottolineata anche da un nuovo nostro impegno nella lotta a Gheddafi, proseguendo il lavoro più o meno come lo avevano cominciato i francesi. E, interpretando il mandato Onu in modo un po' estensivo, si colpiscono i mezzi militari di Gheddafi anche quando non minacciano in modo diretto la sicurezza e la vita della popolazione.

Ci siamo dati una regolata, non sappiamo se dopo sollecitazione da parte dei nostri alleati. Quello che ancora mi è duro capire è se i nostri massimi esponenti stavano raccontandocela montando una finta querelle con la Francia, o se credevano, almeno in parte, a quanto andavano dicendo. In entrambi i casi la cosa mi sembra disdicevole e preoccupante ,come commediola da poco nel primo caso, e per lo scarso discernimento nel secondo caso.

Parecchi cittadini, anche grazie ai mezzi di comunicazione disponibili, sono in grado di farsi una idea di più alto profilo da soli. Non sarà certo stata questa la ragione dei voti perduti da Lega e Pdl, ma tutto influisce. E vedendo dei leader fuori strada su una questione di notevole importanza, viene poi da chiedersi come ragioneranno anche sulle altre scelte.

steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net