Politica/ Sorpresa elettorale?

massoAlcune sere fa, in una delle consuete passerelle televisive dei nostri politici, il  segretario del Pd parlava della sconfitta del Pdl ed a sua volta Cicchitto faceva risaltare le difficoltà del Pd che sia a Milano che a Napoli vedeva prevalere i candidati di altre formazioni politiche ad esso esterne con Pisapia e De Magistris. Quasi contemporaneamente, ad alcuni amici che durante uno dei nostri soliti appuntamenti a cena mostravano una viva sorpresa per i risultati elettorali, mi sono permesso di dire che se la realtà del voto ha molte volte qualcosa di nuovo ed imprevisto, forse occorreva anche mettere in conto quanto invece poteva esserci anche di scontato.

Poteva essere forse fuori dalle possibilità che il fortissimo lavoro di reciproca demolizione messo in atto in questi anni dai due partiti centrali, Pd e Pdl non desse i suoi frutti? Hanno fatto di tutto per darsi danno e come si vede ci sono in buona parte riusciti. Coi tempi che corrono e con le difficoltà. i rischi ed i timori che attraversano la nostra società, credo sia dire cosa assai banale e scontata che ci sia il bisogno di comportamenti politici di tutt'altro genere, improntati alla più ampia collaborazione possibile volta a coagulare la società per fare fronte comune a quella che ormai in molti si sono accorti essere molto di più di una delle solite crisi cicliche.

Tanti si sono anche accorti che negli attuali frangenti, la coesione sociale è un prerequisito per trovare il coraggio e la forza per pianificare il rilancio possibile. Noi siamo dei provinciali, eppure ce ne siamo accorti da tempo, possibile che chi sta al centro non veda e continui ad intestardirsi in contenziosi partitici fuori dal tempo e dalla realtà? Noi sentiamo di vivere in una specie di realtà rovesciata dove la ragionevolezza, il senso del reale, lo stesso buon senso diventano fantasie e, al contrario, le bizze più improbabili si trasformano in reltà.

Se questo è un incubo speriamo di uscirne. Intanto la gente dalle urne e fuori di esse sta mandando segnali a quanti hanno resposabilità politiche e segnali precisi arrivano dal nortro apprezzabile presidente della Repubblica, dal mondo dell'impresa, da quello sindacale, dalla chiesa e da numerosissime personalità di grande preparazione e prestigio. Capiranno i nostri eroi? Ho qualche dubbio al riguardo ed avanzo l'opinione che occorra una spinta molto più forte per smuoverli. (nella foto: un masso, il nuovo simbolo del prossimo partito di governo in Italia. A testimoniarne la capacità d'interpretare i cambiamenti della società italiana: nessuna)

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net