Rigidità della politica e partiti bloccati (seconda parte)

In questi giorni tutti i candidati alle elezioni, riminesi inclusi, sono tutti occupati a promettere cose nuove e migliori per il futuro ivi compresi i miglioramenti nel funzionamento della politica, Probabilmente molti di essi oggi credono di potere cambiare molto di più di quello che saranno poi in grado di fare nella realtà e grande parte di essi non ha una piena coscienza delle difficoltà che ogni modifica comporta.

Proviamo a fare contemporaneamente sia un passo indietro nella nostra storia allo scopo di facilitare il racconto dei fatti. Sistema clientelare allargato, rapporti troppo particolari tra pezzi di economia e politica, utilizzzo delle cariche per farsi una propria piccola piramide di potere attraverso la nomina degli amici ai posti di comando. Ricordo ai più giovani che queste erano grandi ed estese degenerazioni che per tanti anni erano state tanto visibili quanto ormai entrate nel costume della politica da essere ritenute quasi un elemento connesso. Da sopportare, a meno di non essere eccessivamente schizzinosi, fino al giorno in cui scoppiò agli inizi degli anni novanta lo scandalo con il suo contorno di processi e finchè Bettino Craxi, in un suo discprso alla camera disse, nel silenzio più assoluto, che quasi tutta la politica e quasi tutti i partiti beneficiavano di finanziamenti illegali, larghi e perduranti negli anni.

Quasi nessuno allora fiatò perchè nessuno poteva fiatare e la parola passò dalla politica ai processi, con pubblico ludibrio e la distruzione di molte organizzazioni politiche. Alla domanda che oggi ci si pone su come stiano oggi le cose non è facile dare una risposta ma mi sembra che si possa dire che oggi i partiti sono parecchio ridimensionati rispetto a quei tempi e che quel sistema di raccogliere danaro sia stato in molta parte smantellato. Ogni tanto, ancora oggi ,qualche magistrato o la corte dei conti ci avvertono dei guai che ancora persistono ed ad intervalli scoppia qualche scandalo sull'uso del denaro pubblico ma personalmente ruitengo molto più dannosi i guai legali che quelli illegali e li esamineremo in un prossimo articolo.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net