Elezioni riminesi/ Elettori sfiduciati da Renzi e Gnassi?

Sabato sera (ne siamo testimoni oculari), in piazza Cavour, sotto le volte della vecchia pescheria, c'era una manifestazione del Pd per sostenere il voto "rosa", quindi il voto alle donne, sembra non tante a dir il vero, inserite nella lista del PD. Alle dieci, erano presenti al massimo, 30/35 persone, comprese le sette/otto candidate e c'erano anche Gnassi e Gobbi. Di quest'ultimo abbiamo ascoltato, facendoci forza, un dieci minuti del fervorino elettorale e vi assicuriamo che di entusiasmo riusciva a trasmetterne tanto quanto un acquazzone in un giorno di febbraio.

Le ragazze sembravano un po' smarrite... Per par condicio, contemporaneamente, sotto gli archi del Comune, proprio davanti alla pescheria, c'era una manifestazione pubblica del contro-candidato del centro-destra Gioenzo Renzi e (dicono, ma non l'abbiamo visto) di Giovanardi, il ministrone del Governo col dicastero alla famiglia che avrebbe dovuto fargli da supporto (??). Lì ci siamo solo affacciati e sempre verso le dieci, a voler essere larghi, ci saranno state 20/25 persone. Domenica invece, in piazza, Beppe Grillo ha raccolto dalle 2000 (fonte pessimistica) alle 5000 (fonte ottimistica) persone. Ci saranno stati anche molti curiosi, ma insomma...

Secondo voi, i due candidati favoriti, da cui comunque, ahinoi (!), uscirà il sindaco, quale capacità hanno e quale fiducia ricevono dai propri futuri amministrati? I nostri eroi, Gnassi e Renzi, riusciranno almeno ad avvicinarsi al 40% ciascuno, misura che rappresenterebbe il minimo decente per chi abbia dietro i due grandi apparati nazionali e investito (soprattutto Gnassi, pare) somme non di poco conto, per questa elezione? (nella foto, il nuovo simbolo elettorale di Pd e Pdl, ispirato alla fiducia che riscuotono fra gli elettori).

F.Co.

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net