Riceviamo&Pubblichiamo/ "Sullo sport Pazzaglia sbaglia"

Il Movimento 5 Stelle di Rimini non condivide la proposta del candidato Sel Pazzaglia di destinare parte della tassa di soggiorno al finanziamento delle attività sportive di Rimini. Cerchiamo di non prenderci in giro: la situazione di degrado degli impianti sportivi riminesi è frutto di un soffocante monopolio nella gestione delle strutture da parte di vere e proprie lobbies di potere locale, che, pur essendo nominalmente associazioni e polisportive, costituiscono di fatto l' emanazione della politica nello sport cittadino. Proposte sul tavolo, ed i soldi per finanziarle, come ben sanno tutti coloro che operano nello sport, ci sono; il problema è che la politica assolutamente bipartisan della maggioranza e di una defilatissima opposizione, ha sempre anteposto interessi, spesso pulviscolari e assolutmente di parte, alla causa sportiva cittadina. Ripetiamo, non mancano le proposte e non mancano i soldi, quello che "manca" è lo sponsor politico di turno, oppure l'occasione per scambiare sport con speculazione edilizia: servizi alla cittadinanza in cambio di palazzine e centri commerciali. E dunque, in attesa che qualche signorotto si renda disponibile a costruire un campo di calcio in cambio di una manciata di palazzine, nulla si muove, tutto deve restare com'è. Per far ripartire lo sport a Rimini non servono micro-tasse, ma una vera ristrutturazione del comparto a partire dalla ridefinizione degli standard gestionali e delle competenze richieste per una politica sportiva degna di questo nome; per essere più chiari: bisogna cambiare le facce e praticare massicce dosi di meritocrazia al corpo sfinito dello sport riminese. Perciò, reperire soldi attraverso nuove imposizioni fiscali ed assegnarli sempre agli stessi non è solo inutile ma persino eticamente riprovevole.

Ufficio stampa Movimento 5 Stelle Rimini

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net