Politica estera/ Dopo Gheddafi, quali scenari?

Bernard Henry Levy. Questo pensatore francese, che non c'entra coi dissapori italo-francesi di questi ultimi giorni, cerca di interpretare le ragioni che sono alla base dell'azione militare in Libia anche al di là dei motivi che vengono spesso portati nei nostri dibattiti televisivi. Questi vanno molto spesso da uno stretto realismo tutto riferito all'accesso al petrolio, al più alto idealismo tutto incentrato sulla protezione della popolazione dagli eccessi del dittatore libico. Henry Levy invece porta l'attenzione anche su un argomento senza il quale sarebbe forse difficile giustificare ciò che stiamo facendo in quel Paese.

E' anche comprensibile che i governanti costretti dalle procedure della diplomazie abbiano difficoltà a metterlo in chiaro nelle loro dichiarazioni ufficiali che quindi sono inevitabilmente disallineate col comune sentire. Questo motivo di fondo, questo argomento citato dal pensatore francese e che tutto abbraccia: la pace, la guerra, il petrolio, l'economia, il pensiero, è costituito dalla speranza che nel mondo arabo, Libia compresa, si sia accesa in questi ultimi tempi una nuova ed imprevista fase di vita che accende anche le nostre speranze e che pure scontando i rischi che comporta, non vogliamo sia spenta anche a costo di un intervento armato.

Che ciò che ci muove possa essere un mix di cose diverse, dalle paure, agli interessi, alla speranza, conta relativamente. E' invece più importante cosa facciamo e come lo facciamo ed anche restare attaccati il più possibile alla verità che facilmente può soccombere sotto il peso della propaganda legata ai conflitti. In Libia l'obiettivo dovrebbe essere quindi di portare ad un civile confronto tutte le componenti di quella società una volta superato lo scoglio Gheddafi, la cui partenza porrebbe fine all'intervento. Problemi di tutt'altra natura comincerebbero in un altro scenario.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net