Lettere a Riminipolitica/ Uccidere il centro storico: l'unica sinergia che funziona fra privato e pubblico

Che a Rimini ci sia una certa sinergia tra pubblico e privato è innegabile e sotto gli occhi di tutti. Se da un lato abbiamo i proprietari di palazzi e negozi storici che pur di non abbassare le pretese, preferiscono lasciarli marcire, rovinando così anche l'immagine del già degradato centro storico, dall'altra, i nostri amministratori, per non essere da meno, contribuiscono allo svilimento dello stesso centro, abbandonandolo al suo triste destino di vecchietto ultra centenario, senza nemmeno degnarlo di un piccolo lifting per salvarne almeno le apparenze e renderlo più piacevole da frequentare.

Evidentemente, hanno già data persa la partita contro iper e centri commerciali e preferiscono non insistere con l'accanimento terapeutico per il moribondo. Ma se ancora considerano possibile il ritorno dal coma profondo, oltre che parlare di project financing e di investimenti faraonici per il lungomare, non sarebbe il caso di spendere qualche spicciolo per tagliare i cespugli che crescono tra i mattoni, nascondere cavi e pali arruginiti, vetri e portoni rotti, e chiudere le buche di asfalti e marciapiedi più frequentati, spesso anche fonti di pericolo per pedoni e ciclisti? (Nelle foto, i negozi abbandonati dell'ex Oviesse ed ex Standa in corso D'Augusto e la fiancata del Teatro Galli).

Il rusgone



   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net