Politica/ A Rimini un voto in bianco organizzato? Una modesta proposta

Il nostro collaboratore Steve ha scritto un articolo che è anche una proposta politica. In redazione l'abbiamo valutato e abbiamo deciso di pubblicarlo perchè può essere molto interessante per i nostri lettori e pensiamo che possa suscitare anche un certo dibattito. Lo mettiamo a disposizione, aspettando commenti e reazioni.

La redazione

 

Tra poco, a primavera, si voterà per eleggere il Consiglio comunale ed il sindaco e ci verranno presentati diversi uomini e programmi. Formalmente tutto sembra (quasi) perfetto, ma di fatto, da tempo la fiducia dei cittadini nelle proprie amministrazioni e comunque nella politica intesa nella più vasta accezione è in forte calo. In diverse occasioni abbiamo potuto vederne le conseguenze e, nelle elezioni più recenti, in particolare hanno avuto proporzioni notevoli il fenomeno dell' astensione e del voto in bianco. Queste scelte, che possono avere anche cause diverse, hanno come comune denominatore la sfiducia nelle proposte e negli uomini della politica. Crediamo indispensabile il rispetto dei meccanismi della democrazia e quindi l'accettazione, se non il gradimento degli uomini e dei programmi che vengono presentati, come riteniamo non solo legittimo ma anche rilevante il dissenso espresso col non voto

I LIMITI DELL'ASTENSIONE

Tuttavia, a mio parere, il non voto come espressione di tante volontà adottate spontaneamente, al di della informazione e della propaganda fatta dai partiti, ha però limiti evidenti. Il primo è costituito dalla sua vita effimera, anche se espresso in modo massiccio, un altro è che così come viene espresso e capito, fraziona ancora di più l'insieme dei votanti. Un altro ancora è che non va oltre il dissenso e per di più frutto di tante isolate individualità, tutte rispettabili ma prive di un disegno comune.

ASTENSIONE FORTE, DI PROPOSTA

Ritengo invece si possa passare ad una astensione forte per mezzo di un voto in bianco. Quindi col gesto di recarsi alle urne, manifestando in tale modo il pieno interesse alla politica ed entrando così nel totale di coloro che hanno votato, e magari manifestando la propria scelta con un qualsiasi segno che annulla la scheda per ciò che concerne le proposte dei partiti, ma la carica di un bisogno comune dei cambiamenti possibili. Andiamo alle urne quindi, e votiamo insieme in bianco per chiedere da adesso tutta la riforma possibile della politica. E' un obiettivo che ha il pregio di potere unire quasi chiunque. Infatti, se lasciamo a casa, per un momento e per quella singola azione, quelle cose che legittimamente possono dividere e ci concentriamo su quell'unico grande scopo, in molti, in tanti, possiamo stare assieme. E se lo facciamo in questo modo, nessuno anche nei tempi successivi potrà più scordarlo, ed ai partiti giungerà un messaggio forte ed una richiesta di cambiamento difficilmente scansabile.

IL RISPETTO DEI MECCANISMI

Non deve esserci spazio per il dispetto o l'antagonismo gratuito, per cui se è necessario da un lato assumere e conservare una forte determinazione è altrettanto necessario il rispetto sostanziale dei meccanismi della democrazia utilizzando l'astensione organizzata in modo selettivo a seconda delle votazioni, senza creare intralci inutili a quanti intendono scegliere col voto tra le proposte presentate. Ad esempio alle elezioni comunali (le uniche al momento certe e prossime), l'astensione si può concentrare al primo turno, ed alle politiche o regionali fare altre scelte adatte allo scopo.

I COLLEGAMENTI

E' chiaro che così facendo possiamo fare un grande passo insieme per l'obiettivo comune ma che ognuno di noi ci arriverà da sue posizioni e con un suo percorso e collegherà poi quell' atto alla propria visione del domani. Per conservare tutto il vigore di questa azione occorre ricordare sempre e sempre tenere conto di queste differenze che continueranno ad esistere oltre il momento comune, ma che ne sono anche presupposto di forza e consapevolezza.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net