Bellaria/ Il centrodestra governa coi soldi delle multe. Come il centrosinistra

La notizia in sè e per sè non direbbe niente. Però qualcosa dice... Apprendiamo che il bilancio 2010 del comune di Bellaria è stato "salvato" dalle multe che rispetto ad una previsione di 1.600.000 euro sono lievitate di ben il 70% a 2.600.000 Euro. Così, forti di cotanto risultato, anche nel bilancio 2011 si prevede di conseguenza. Quindi i nostri turisti li peliamo ben bene, così prima o poi si stuferanno. Dicevamo: la notizia. Sta nel fatto che da un paio di anni il Comune (il primo "importante" nella Provincia di Rimini), è amministrato dal centrodestra, che dopo due mandati del sindaco Gianni Scenna (a proposito: dove è finito?), terrificanti nei contenuti e nella forma, ha "distrutto" letteralmente, alle elezioni comunali, la rissosa e male assortita compagine avversaria di centrosinistra.

Tuttavia chi ha un po' di memoria si ricorderà che, proprio ai tempi del glorioso Scenna, la polemica contro il finanziamento del Comune con le multe ,proprio da parte del centrodestra locale, era tambureggiante. Si osservava allora, secondo noi giustamente, che "massacrare" i turisti non è il modo migliore di presentarsi per una città che vive di ospitalità. Per chi voglia rinfrescarsi la memoria potrà constatarlo cliccando su internet le parole chiave: "Bellaria", "multe", "bilancio" ecc... Ebbene ora tutto è cambiato salvo le multe. Questo dimostra la validità di un nostro titolo del 2009 (relativo ad altro argomento): "Politica, quando il bue dà del cornuto all'asino" (del 16 giugno 2009).

Come si vede è sufficiente che cambino le posizioni, da minoranza si diventi maggioranza e dall'opposizione si passi al governo, che tutti i comportamenti addebitati agli avversari diventano propri. Quelle che erano le nefandezze diventano virtù e via andare, secondo il noto principio: "Cambiano i suonatori, ma la musica rimane quella". Vi ricordate Tremonti quando (nel 2006-2007) accusava Prodi e company di voler far diventare l'Italia uno "Stato di Polizia fiscale"? Vi rendete conto dove, poco più di tre anni dopo siamo arrivati? Ecco, quando sentite un politico parlare, stigmatizzare, promettere, ricordatevi solo di una cosa: non e' vero. (nella foto: un noto politico italiano che promette di continuo abbassamento delle tasse; risoluzione dei problemi d'immondizia a Napoli; normalità per i terremotati all'Aquila; ecc. ecc. e immediatamente dopo... fa gli scongiuri).

Paride Campi

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net