Primarie Pd/ Gattei candidata di supporto a Gnassi?

Sara' la crisi, ma da un po' di tempo i giornali riminesi sembrano aver preso un po' di coraggio e cominciano con più sollecitudine e insistenza a sottolineare certi aspetti veramente incredibili e ridicoli della nostra situazione politica. Ad esempio, stamattina 8 Dicembre sulla "Voce" troviamo un fondo interessante di Simone Mariotti (che "rara avis" pensiamo sia l'unico potenziale elettore di centro-sinistra di questo giornale), il quale fa un'analisi impietosa, ma totalmente corretta, dei tre candidati alle primarie del centro-sinistra: Gnassi, Fabbri, Arlotti

Nella sostanza sottolinea come tutti e tre dicano le stesse cose, ripetano le solite litanie ,promettendo di "sistemare" tutto quello che non va e che, paradossalmente, sottolinea l'articolista, essi stessi hanno creato. Infatti, nonostante il paradosso che tutti e tre si presentino come delle perfette vergini (!!!), essi, da almeno vent'anni (e nel caso di Fabbri almeno trenta), hanno svolto un ruolo nel partito di maggioranza e nel gruppo di potere che sicuramente ha governato, in questi decenni la citta di Rimini Ovviamente, aggiungiamo, nessuno dei tre aveva la stazza del loro vero capo (Melucci) ma cio' non li assolve quanto meno dall'aver taciuto e dal non avere fatto nulla per evitare che la città finisse dove sta arrivando ora.

Questo anche il più giovane e cioè Gnassi che, nato funzionario di partito nel grembo di sua madre, gia' piccolissimo, per quello che poteva ovviamente, sgomitava tra i giovani del PCI prima, e delle varie sigle successive (PDS, DS; Democratici, ecc.), alla ricerca del suo posto al sole. Posto che comunque non gli è mai mancato visto che già una decina di anni fa era nientemeno che Consigliere Regionale (poi, visti i risultati, non confermato...).

Tornando all'articolo sulla "Voce", Mariotti sottolinea bene, come questi tre giovani e non giovani aspiranti facciano benissimo l'elenco dei problemi (viabilita' disastrosa, cementificazione, Centro Storico degradato, ecc.), senza pero' nemmeno il piu' piccolo "mea culpa" e senza ovviamente suggerire alcuna soluzione. Quindi bravo Mariotti! Però un piccolo appunto dobbiamo muoverlo anche a lui e lo facciamo laddove suggerisce un voto per la quarta candidata alle primarie e cioè per quella Cristina Gattei leader del comitato "no merda in mare" che l'articolista vedrebbe come alternativa al poco presentabile trio Gnassi, Fabbri, Arlotti.

In realtà, la Gattei non è altro che una occasionale compagna di strada proprio di Gnassi del quale fa la copertura sul lato "verde" e quindi, a nostro avviso, non rappresenta nulla anche in considerazione del fatto che, al di là del suo comitato, non si conosce una sua idea politico-amministrativa degna di questo nome. A meno che, come titolo per essere votata, non si presenti il solito stucchevole argomento, e cioè: che "è una donna". Per fortuna queste favolette almeno per molti non valgono più niente. Per i problemi di una città che si avvia al più triste e depresso capodanno del dopoguerra, la discriminazione del sesso ,come sinonimo di qualità, non incanta più nessuno.

WOLAND

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net