Riceviamo e pubblichiamo/ Amministrative: qualità del sindaco o qualità della squadra?

La principale discussione politica di questi giorni, e non potrebbe essere diversamente, ha quale argomento il possibile/probabile/improbabile candidato a Sindaco della nostra città di ciascuna coalizione. Ogni giorno si legge un nome nuovo, si rafforzano le azioni di un nome già noto, si va a demolire un'altro nome. Il leader è sicuramente importante ma, oggi, ancora di più è importante la "sua squadra" e per una ragione molto semplice: scarseggiano le persone idonee a ricoprire i ruoli. La nostra società (locale e italiana in particolare), contrariamente a quanto era logico prevedere, è stata capace di rovesciare la percentuale delle persone capaci rispetto a coloro che non lo sono. Se dovessimo fare una previsione statistica siamo passati da un 80-20 ad un 20-80 (venti capaci, ottanta incapaci).

Eppure, ogni giorno di più, il mondo si evolve, aumentano gli strumenti tecnologici, si diffondono le informazioni e le conoscenze con una ovvia conseguenza sulla crescita ed evoluzione dell'uomo. Noi invece ci siamo rilassati e ci siamo fatti distrarre da tutti i fattori che non appartengono al mondo del lavoro e la nostra città è un esempio evidente per le distrazioni che la società può offrire. A questo si sono aggiunte lotte intestine, rivalità eccessive, e perdita di qualsiasi senso di ragionevolezza. Il Candidato Sindaco, oltre ad essere il vero leader, dovrà essere capace di scegliere ed attorniarsi delle poche persone (se sono vere le percentuali che sopra abbiamo dato) che sono in grado di possedere le migliori qualità. Non vorremmo, in quanto non ce lo possiamo permettere, che continuasse ad accadere quanto gli articoli e le dichiarazioni sui quotidiani ci raccontano del recente passato. Non ci possiamo permettere di non avere memoria storica degli ultimi vent'anni.

Fabio Lisi

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net