Politica riminese/ Aureli critico sulla classe politica. Ma perchè non si muove?

Leggiamo, a partire dalla prima pagina di oggi del quotidiano "La Voce", una lunga intervista ad Alfredo Aureli che, sicuramente è un caso, ripete molti concetti dell'articolo di "analisi" pubblicato ieri sul nostro sito sulla situazione della città di Rimini.

Nella sostanza, Aureli riprende due concetti che sono anche nostri: il primo, che siamo nelle mani di una classe politica (tutta, maggioranza e opposizione) inetta. Il secondo, che il nuovo Palacongressi di Rimini è un'opera inutile, costruita nel perido sbagliato, in un mondo in cui non ci sono più soldi per certe cose. Un colpevole sciupio di denari e d'energie.

Non possiamo che sottoscrivere quello che Aureli afferma ma un paio di domande gliele dobbiamo fare. La prima: visto che è uno dei pochi che a Rimini può fare qualcosa per cambiare l'andazzo: ha intenzione di farlo? La seconda: se ha intenzione di farlo, cosa intende fare?

Migliaia di persone, a Rimini, la pensano come lui ma non hanno mezzi per "incidere". Lui che potrebbe, perchè non si muove?

E.V.B.

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net