Riforma della politica/ Ciò che ci unisce, ciò che ci divide

La recente aggressione al presidente del Consiglio e le conseguenti reazioni della politica hanno fatto vedere quanto sia necessario il cambiamento nel clima da "tutti contro tutti " da noi già segnalato. Ma torniamo anche a dire che non basta che i partiti si sorridano l'un l'altro. Occorre, invece, un cambiamento profondo nel loro modo di funzionare: da gruppi stretti attorno ad un capo, a classi dirigenti riconosciute della società. Non crediamo neppure che ciò sia un rimedio sicuro a tutti i mali, ma siamo altrettanto convinti che nel futuro che ci si prepara sia un modo moderno ed indispensabile per governare. Le teorie e la pratica del "capo a vita" che oggi vediamo nei fatti, per noi sono più il risultato dei disastri passati che il segno della modernità e comunque un qualche cosa di provvisorio che se dura troppo può anche fare danni.

Alcuni antagonisti

Uno è Dipietro. Al riguardo, crediamo che il suo antiberlusconismo rigido non sia il frutto di una tattica furbesca per guadagnare voti e mettere in difficoltà il partito democratico. Crediamo invece che sia proprio il suo modo di intendere la politica e che ci sia continuità da quando, ai tempi di Craxi, si rifiutava di cogliere il valore e le possibili conseguenze dell'ammissione di questi, davanti alle Camere riunite, del finanziamento illegale di quasi tutta la politica italiana. Allora Dipietro declassò quel discorso come tentativo di allargare le responsabilità. Noi crediamo sia stato un grande errore politico dell'allora magistrato che in quel modo ha contribuito a sminuire l'effetto di quelle dichiarazioni, non comprendendo che l'allargamento delle responsabilità non portava affatto al dissolvimento del problema, anzi ne metteva ancora meglio in luce l'ampiezza e la gravità e chiamava la politica di fronte alla cruda realtà. Vediamo una certa continuità nel Dipietro che accusa Berlusconi di essere sceso in politica principalmente per proteggere i suoi interessi e su questa teoria basa buona parte della sua politica.qualunque sia l'opinione sul presidente del consiglio. Alla data di oggi crediamo sia elementare dire che egli non è nè il principio di tutti i beni nè di tutti i mali della politica italiana. Fosse così, le correzioni sarebbero semplici. Al contrario, riformare la politica del nostro Paese è cosa difficile ed ancora una volta riguarda tutti, partito di Dipietro compreso. E l'intento, che noi crediamo serio, dei militanti di quel partito di moralizzare la politica, così com'è espresso non ci sembra che un assaggio rispetto alla complessità e vastità delle energie che il problema richiede. Vastità difficilmente compatibile con lo scontro duro.

Berlusconi

E' facile affermare che faccia politica per i suoi interessi economici ma noi crediamo che la sua principale molla sia l'eccezionale ambizione di passare alla storia del nostro Paese. Un suo amico giornalista diceva anni fa che Silvio voleva essere il salvatore dell'Italia. Crediamo anche che l'ambizione sia una spinta positiva, a patto che non sconfini nel personalismo. Crediamo che in una forza politica nata coi presupposti di Forza Italia e poi, per derivazione la cosa vale anche per il Pdl, questa questione sia di tutta evidenza. Crediamo che Gianfranco Fini, quando tocca quelle questioni ed esplicitamente accenna alla necessità di guardarsi dal cesarismo, non sia nè un provocatore e tanto meno un traditore ma, molto più semplicemente, un uomo che ha sufficiente coraggio ed esperienza politica per parlare di tali cose.

Il problema evidente è del partito che stenta a contenere al suo interno una pluralità di idee e non ha ancora trovato un assestamento da gran forza politica. Ma il problema e' anche del Paese e quindi d tutti. Se fossimo i consiglieri di Berlusconi lo esorteremmo ad usare l'eccezionale forza che oggi ha per conseguire le sue ambizioni attraverso queste cose: 1) Proclamazione che il Paese ha di fronte problemi nuovi e gravi che richiedono una modifica nei rapporti politici. 2) Apertura di lungo respiro ai moderati dell'altra sponda su crisi economica, rimescolamento etnico, territori con alta criminalità. 3) Conseguente mediazione e sfumatura delle questioni personali attinenti la giustizia. 4) Apertura a discutere ad ampio raggio, coi livelli competenti presenti nel Paese, la strategia per l'uscita dalla crisi. 5) Immediata riforma della direzione politico-istituzionale con veloce ridefinizione nei numeri e precisione nei compensi di tutti i livelli e reimpiego di parte dei risparmi per la selezione e preparazione nella politica. 6) Riforma della politica con alcuni indirizzi e regole per il funzionamento dei partiti. 7) Inizio dei lavori per le altre riforme, con un sentimento di cautela verso il federalismo.(pochissimi dicono in merito quel che pensano).

Forse possono sembrare cose semplici, quasi obbligate,ma comporterebbero un forte cambiamento nella politica soprattutto se fossero realizzate come a noi sembra opportuno. Immaginiamo, infatti, che se si riducesse il numero dei parlamentari in base alla logica necessità del Paese anzichè in base alle necessità della politica, e conseguenze sarebbero molto diverse. Superfluo dire cosa consiglieremmo. In conclusione, stentiamo a distinguere, al di là delle tenzoni dei capi, cosa possa essere che realmente ci unisce e cosa realmente ci divide, e crediamo sarebbe bello dividerci su proposte alternative chiare, anche tra amici, perchè così facendo aumenteremmo le nostre probabilità di fare le scelte migliori. Non invitiamo quindi i capi a smorzare il loro protagonismo ed i sottocapi a moderare la loro voglia di poltrona a vita, perchè sicuri di are un inutile appello moralistico. Sfidiamo invece tutti a far sì che le regole del gioco siano modificate ed ognuno di noi, anche il più accanito cacciatore di cariche, può fare un piccolo meritorio atto in tale direzione; un atto che unisce al di là delle singole qualità.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net