Politica & Amministrazione/ Se la Regione Lombardia gioca a nascondino col Tesoro

L'articolo precedente su "affari e politica" è ancora caldo di inchiostro ed già ha un seguito. Ha per oggetto le irregolarità riscontrate dagli ispettori del ministero del Tesoro negli appalti per la ristrutturazione dell'ospedale Niguarda di Milano per un complesso di interventi con una spesa di un miliardo di euro. Le ispezioni potevano poi essere estese ad altre operazioni su altri ospedali di altre citta della Lombardia ma è giunta una pronta risposta proprio dai vertici della Regione che, con una sua circolare, invita le direzioni degli ospedali a deviare gli ispettori all'avvocatura regionale, in quanto le ispezioni a carattere amministrativo vengono ritenute di competenza regionale in quanto la materia competente alla sola Regione.

Abbiamo detto e lo ripetiamo che non ci interessano tanto gli aspetti scandalistici ma gli insegnamenti che dall'avvenimento si possono ricavare. Anche questa volta impariamo qualcosa: la Regione Lombardia si preoccupa di bloccare subito gli ispettori e dice di non rispondere ai funzionari dello Stato. Noi notiamo due cose: una, che l'attenzione si sposta dalle irregolarità e la questione di sostanza (il controllo, il riscontro e la correzione di eventuali storture) passa in secondo piano. L'altra riguarda i rapporti tra Stato e Regioni. E ci chiediamo che sarà domani con il federalismo se già oggi ci sono conflitti di questa sorta.

Sappiamo cosa ci direbbero i convinti federalisti: ci direbbero che questo accade proprio perchè il federalismo non c'è. Non li sfiorerebbe nemmeno il dubbio dell'interrogativo.Ma se anche fosse, se i politici regionali lombardi avessero utilizzato l'amministrazione pubblica per interessi privati, dovremmo pensare che nessuno può intervenire al di sopra di loro? Anche a questo c'è sempre una possibile risposta pront: "C'è sempre la magistratura che può controllare".Già, ma questa può intervenire in una piccola percentuale di irregolarità, solo dove ricorra una ipotesi di reato. Lo Stato, il Tesoro, così importanti perchè hanno una visione complessiva della spesa e la responsabilità davanti al Paese sarebbero tagliati fuori.

Anche noi siamo convinti che ci siano forme di decentramento da incrementare, per gestire meglio l'amministrazione pubblica, ma allo stesso tempo temiamo che i modi oggi proposti siano ideologici e che risentano troppo del conflitto centro/periferia, e della voglia di disgregare lo Stato. Crediamo di non dire eresie e di non essere i soli a temere che i difetti di una politica ancora oggi pesantemente clientelare e sprecona possano diventare più pericolosi dopo una moltiplicazione dei poteri. Noi, in particolare, siamo convinti che anche le riforme migliori possano calare molto di valore se non accompagnate, ed ancora meglio precedute, da una riforma della politica o, meglio,dall'inizio di un lungo lavoro di riforma della politica.

Crediamo che a poco serva sbandierare il concetto che chi tassa diventa responsabile davanti ai cittadini e quindi agisce più responsabilmente, perchè di esempi contrari nel nostro Paese ne sono pieni i fossi.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net