Politica/ La "ragione sociale" di riminipolitica.com

Scriviamo di parecchie cose e su parecchie cose siamo già oggi più voci ed intendiamo diventare ancora di più; abbiamo diverse filosofie e rispetto alla politica possiamo anche appartenere a nessuna parte o essere di parti diverse e quindi fare ragionamenti o dare giudizi non coincidenti su fatti persone e progetti. Se si leggono con un po' di attenzione i nostri articoli, già le differenze sono visibili ed è quindi il caso di dire quale è la ragione collettiva di fondo che ci lega al di là della varietà di posizioni e che è indispensabile avere presente per non cadere nella impressione di essere di fronte ad una accozzaglia di gente che si sta semplicemente sfogando in assenza di uno scopo di riferimento.

Tutti gli scritti che qui appaiano, centrati o meno che siano, belli o brutti che possano sembrare, scialbi od interessanti, magari a volte di scarsa qualità, e difetto ancora più grave, sembrare o essere troppo pendenti dalla parte politica dello scrivente, od essere aprioristicamente contro la politica così come oggi essa è, sono però legati da un filo più o meno robusto che li lega alla comune ragione sociale, al comune perchè scriviamo e comunichiamo. La nostra comune ragione sociale, che proponiamo anche a quanti vi siano interessati è: LA RIFORMA DELLA POLITICA.

E' nostra comune opinione che ci sia un divario tra le esigenze di direzione che un stato moderno, in tutte in tutte le sue articolazioni pone e quanto la politica oggi offre. E' quest'ultima una considerazione da prendere con molta attenzione,perchè può lasciare facilmente spazio ad immagini dell'antipolitica che ci sono estranee, come ci è estraneo qualsiasi livore verso i partiti e verso i loro rappresentanti anche al di là delle critiche,anche personali, che su queste pagine possano apparire. Come già più volte abbiamo scritto, dalle nostre osservazioni dell'ambiente "riminese", ci siamo convinti dell'esistenza di capacità, intelligenze ed anche talenti per numero e per qualità di varie lunghezze superiori a quanto la politica oggi utilizza e, per quanto possiamo intuire dalla lettura degli altri, tale spreco è esteso a tutto il Paese. Questo solo fatto è già sufficiente a dire che, nella politica, sono necessarie profonde modifiche.

Lo abbiamo già detto ma lo diciamo ancora oggi e lo ripeteremo in futuro e non saremo soli perchè crediamo che questa sia una consapevolezza sempre più vasta. C'è UNA DIFFERENZA ed essa sta nel volere bene prima di tutto, anche prima della propria parte, a quella cosa comune che è LA RIFORMA DELLA POLITICA.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net