Alitalia/ Torna Air France... ve l'avevamo detto. Ma era una facile previsione

Come previsto nell'articolo del 2 dicembre, la Cai fa una cosa molto simile a quello che a marzo aveva in mente di fare il governo Prodi: fa entrare Air France nella gestione della nuova Alitalia. Che entri con il 25% del capitale anzichè come socio di maggioranza o nuovo proprietario, pensiamo abbia un'importanza relativa. Essendo l'unico socio con un'esperienza davvero importante nell'aviazione civile, nei tempi medio/lunghi saranno i suoi manager a fare le scelte. E, molto probabilmente, la percentuale del 25% del capitale è destinata a salire in seno alla nuova compagnia di bandiera.

Cade il presupposto dell'italianità del progetto Cai tanto sbandierato dal premier Berlusconi; restano i debiti che pagheranno gli italiani anzichè il "coraggioso manipolo" di imprenditori privati. Questi ultimi si sono ritrovati ad aver speso pochissimo per avere una in mano una compagnia senza debiti e per metterla, loro, in buona parte in mano ad Air France, guadagnandoci. E ora possono pure andare a dire in giro di aver salvato la compagnia di bandiera. Italia: un Paese che offre opportunità incredibili. Sempre alle stesse persone. (nell'immagine, il nuovo marchio Alitalia)

Flavio Semprini

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net