Prostituzione/ I sindaci provano a sconfiggere il fenomeno. Ce la faranno?

Su quello che viene definito "fenomeno" prostituzione, alcuni comuni romagnoli stanno provando ad intervenire attraverso lo strumento delle ordinanze dei sindaci. Quella del sindaco di Riccione, Daniele Imola, è del 9 luglio. Dal momento in cui è andata in vigore, i vigili urbani di Riccione possono multare sia le prostitute (a causa del loro abbigliamento ed atteggiamento che offenderebbe la morale comune), sia i clienti (per intralcio al traffico che si paleserebbe fin dal momento in cui si fermano per contrattare la prestazione). Le sanzioni vanno dai 100 ai 516 euro. Insomma, con le armi a disposizione di un amministratore locale (decreti legislativi sulle autonomie dei Comuni, leggi sulla circolazione stradale, Statuto comunale), il sindaco della Perla Verde prova a debellare il "fenomeno" prostituzione. E' un tentativo che avrà successo?

C'è chi ne dubita e chi ci spera. Tra i primi ci sono quelli della Papa Giovanni XXIII che non capiscono come si possano multare delle ragazze costrette a stare sul marciapiede da qualcun altro. E poi altri (Marzio Pecci, consigliere comunale del Popolo delle Libertà e avvocato, ad esempio), i quali sostengono che di fronte ai ricorsi di automobilisti multati, il "teorema" dell'ordinanza non reggerebbe. Naturalmente c'è chi sostiene l'azione del sindaco: Bruno Bianchini, presidente degli albergatori riccionesi, ha dichiarato alla stampa che "Imola fa bene ma Rimini deve seguirlo, altrimenti le lucciole si sposteranno solo al di là del confine comunale". Daniela Angelini della Confcommercio ha affermato che è "un tentativo che va nella giusta direzione. Le lucciole danneggiano l'immagine di Riccione". Dina Mira della Confesercenti ha detto "sì al pugno duro ma anche contro gli sfruttatori".

In effetti, se ha ragione la Papa Giovanni, cioè se le ragazze che scendono in strada sono schiave, multarle servirebbe solo a costringerle a lavorare di più. Inoltre, è anche vero che se Rimini non adotta lo stesso tipo di ordinanza, le lucciole non dovranno far altro che spostarsi, sul Marano e sulla statale 16, dal territorio riccionese a quello riminese. Ma anche se Rimini seguisse Riccione, non si assisterebbe altro che ad un 'migrare' del "fenomeno" fino, probabilmente, al ritorno sulle stesse strade di partenza. E' quello che succede da sempre. Allora, che fare?

Un primo passo potrebbe essere non considerare la prostituzione come un "fenomeno" ma come una costante della storia dell'umanità. E non sempre considerata un male. I documenti di Deir el-Medina (antico Egitto, 1500 a.c. circa) parlano dell'esistenza di donne che si facevano pagare per le loro prestazioni sessuali. Nella Grecia classica esistevano le figure della concubina (la pallake), i cui figli venivano riconosciuti eredi di diritto subito dopo quelli della moglie; dell'etera, che intratteneva con l'uomo rapporti fisici e intellettuali. E delle prostitute. Fra di loro vi era una "casta" più elevata, rappresentata dalle "prostitute sacre": donne che si vendevano nei luoghi sacri e devolvevano il ricavato al tempio in cui prestavano servizio.

Nel corso dei secoli, le cose non sono cambiate di molto se non nel fatto che la civiltà occidentale ha sempre più trasformato la figura della prostituta in senso "commerciale", togliendole quella sostanziale accettazione sociale che esisteva in epoche passate e culture diverse. E proprio nel senso "commerciale" di questo mestiere sta il problema. Perchè se è giusto non considerare la prostituzione un reato quando è una libera scelta; devono invece essere perseguiti lo sfruttamento e la riduzione in schiavitù. Su questo, non ci devono essere dubbi.

Dunque, al di là delle comprensibili e giustificate iniziative prese dalle amministrazioni locali, non c'è dubbio che si debba fare una legge nazionale che "amministri" quello che erroneamente viene definito "fenomeno", per tutelare al meglio l'integrità fisica e psicologica di chi pratica la prostituzione. Seguendo l'esempio degli antichi ma, soprattutto, di qualche moderno paese europeo. Germania e Austria, ad esempio, che hanno legislazioni molto interessanti in merito. In Germania è consentito sia l'esercizio della prostituzione che la presenza di case chiuse. Non solo, le donne coinvolte nel fenomeno pagano le tasse e hanno chiesto una nuova legge che garantisca più diritti e tutela sociale. In Austria, i sindaci possono permetterla in certe zone della città, le prostitute sono obbligate a registrarsi, a sottoporsi a controlli sanitari e a pagare le tasse.

Nella foto: Prostituta con amante. Gruppo scultoreo risalente all'epoca romana, I secolo dopo cristo.

Antonio Cannini

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net