Politica/ Elisa Marchioni, la conosciutissima sconosciuta

Elisa Marchioni: una deputata sconosciuta ai più, ma conosciutissima in Curia. La vicenda delle candidature alla Camera che ha spaccato generazionalmente il Pd riminese, racconta molto di come siano andate queste "indicative" (non primarie), che i circoli del neonato partito hanno tenuto per fornire i nomi che avrebbero "accompagnato" le "sicure" candidature di Ermanno Vichi, Giuseppe Chicchi e Sergio Zavoli. Come sono andate le cose, poi, l'abbiamo visto. Della triade è rimasto in piedi solo Sergio Zavoli e al posto dei due rappresentanti del territorio c'è Elisa Marchioni, "benedetta" dal giovane segretario del Pd riminese Andrea Gnassi.

Chi è 'sta Marchioni? I tre quarti del popolo del Pd non la conosce, perchè questi tre quarti sono formati da laici, provenienti dai Ds o dalla società civile non impegnata nel volontariato cattolico. La conoscono molto bene i cattolici del Pd perchè la Marchioni è cresciuta dentro al volontariato cattolico: è stata giornalista al Ponte (giornale organo della Curia, formalmente proprietà di una confraternita) e poi giornalista e direttore a Radio Icaro Tv (idem come sopra). Gran cerimoniere di tutti gli eventi mediatici che la Diocesi di Rimini metteva in campo. Dall'attuale sindaco di Rimini Alberto Ravaioli, è stata chiamata all'assessorato alla Scuola e all'Università (senza passare all'esame del voto), non perchè avesse solidissime esperienze nel campo, ma perchè garantiva il rapporto con la Curia. Un rapporto al quale il vescovo precedente e quello attuale tengono molto, visti gli interessi delle varie realtà cattoliche nel mondo della scuola (istituti privati da convenzionare, studentati per universitari, ecc.). Insomma, la solita politica del "do ut des" della quale Marchioni è parte. Per il Pd, come segno di novità, non pare granchè.

Oggi le accade la stessa cosa. Viene eletta alla Camera dei Deputati (!) senza passare al vaglio di una vera consultazione all'interno del proprio partito. Viene privilegiata da diversi fattori: è donna (e nel Pd vige la giusta regola della parità fra i generi); è giovane (41 anni); non è (era) una politica di professione. E viene privilegiata anche dal fatto che nelle "indicative", il suo nome è stato fatto un po' dappertutto, non solo dai cattolici del partito. Perchè? Perchè qualcuno (Gnassi e i giovani del partito), l'ha voluta giocare in chiave anti Vichi e Chicchi per liberarsi dei due ingombranti personaggi, giudicati ormai troppo vecchi dai trentenni.

E' questa la prima delle chiavi di lettura della candidatura Marchioni. La seconda è che la Curia non è affatto scontenta di vedere un proprio organico sedere sui seggi del parlamento italiano e certo l'ha spinta ad accettare. Dunque vincono la battaglia interna al Pd i cattolici e i trentenni dei Ds. Con questi ultimi che pensano di poter manovrare il neodeputato a proprio piacimento, visto che hanno contribuito in maniera determinante alla sua elezione.

Ma fanno un errore, perchè Elisa Marchioni, come ha scritto il Carlino "ha spalle più larghe" di quel che sembra e una carriera politica così fulminante, sinceramente in pochi l'hanno fatta. Poi ha un suo elettorato interno al volontariato cattolico che la voterà. E lei farà pesare quei voti nel partito quando sarà ora di prendere delle decisioni e stabilire "chi fa che cosa". E dovrà rispondere al suo elettorato (in gran parte non organico al Pd) sulle questioni care al mondo cattolico. E farà anche questo.

Perdono, invece, la battaglia interna i cinquantenni (e oltre) del partito; i laici (che dovrebbero essere la maggioranza nel Pd); le donne (la cui maggioranza ha posizioni diverse dalla Marchioni sui temi etici). Cosa succederà ora? Se il Pd a Rimini alle politiche raccoglierà più voti della dote portata da Ds + Margherita, Andrea Gnassi avrà vinto la guerra e potrà procedere nella sua battaglia per il "rinnovamento". In caso contrario, si apriranno alcuni fronti di crisi.

Certo che i giovani del Pd hanno mandato un segnale forte e chiaro ai loro fratelli maggiori: fatevi da parte, non c'è più spazio per voi. In parte, questa vicenda ricorda la "svolta del Midas" del Psi nel 1976, con Craxi che divenne segretario contro i vecchi del partito e poi, in un paio d'anni, li fece fuori tutti. Come sono andate a finire le cose, lo vediamo anche oggi: non esiste praticamente più un partito socialista in Italia. Infine, tra un anno le elezioni amministrative: che succederà se il Pd della provincia di Rimini dovesse fare flop a queste politiche? Si salverà il meccanismo delle primarie? Salterà qualche giovane testa troppo ingorda? (nella foto, un gruppo di candidati del Pd alle prossime politiche combatte contro il vento di destra...).

Maria Rosa Fabbri

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net