Politica/ Per sopravvivere, facciamola finita con la vecchia politica

Normalmente succede che ad una fine di secolo sia data una grande importanza e che si finisca per attribuirle anche significati impropri. Tutti ricordiamo il fiume di parole e di concetti che hanno accompagnato la fine del secolo ed evocazioni miste di speranze e paure che ci hanno introdotto al nuovo millennio. Perdendoci in spazi tanto sconfinati abbiamo forse trascurato di fare attenzione a qualcosa per noi tanto importante e che proprio in quei giorni, in quei mesi, in quegli anni, ci metteva di fronte alla più grande ed inevitabile svolta della nostra vita. Finì l'epoca in cui i nostri industriosi padri, sconfitti in guerra ma vincitori della pace poterono scatenare tutta la loro voglia di riscatto dall'eterna miseria. Con i vincitori che, per amore o per interesse, permisero loro, come ad altri, di fare "i cinesi" del mondo

L'ulteriore vantaggio di una cultura più aggiornata e vicina a quella dei Paesi ai quali si vendeva il prodotto Italia, la contiguità territoriale col resto dell'Europa e gli aiuti hanno fatto il resto. In breve tempo fu miracolo economico. Il suo significato lo si può chiudere nel concetto del passaggio da un Paese a prevalente economia agricola ad un Paese con prevalenza prima industriale e poi del terziario. Questa grande trasformazione economica e sociale è stata accompagnata dal proliferare dei mestieri e delle professioni ed è stata guidata da un ceto politico che, assieme ad altre grandi entità, ha governato anche socializzando la ricchezza intanto prodotta.

Magari con metodi che chiamiamo "all'italiana", non tanto per spregio, ma perchè frutto della nostra particolare storia. La politica ed i partiti si sono a loro volta modellati in coerenza a questo "modus" che comporta anche il clientelismo di massa e il voto di scambio come normale modo di fare. Ed è cresciuta in costi e privilegi e, seppure con qualche lieve modifica, è fino ad oggi rimasta uguale a se stessa, refrattaria al cambiamento. Ebbene ora il meccanismo scricchiola; qualche grosso smottamento lo abbiamo già visto con il fenomeno di tangentopoli, ma il problema è molto più profondo. Oggi le porte del mondo si sono spalancate con un'ampiezza molto più grande rispetto al dopoguerra e la sfida odierna non ha confronti col passato.

Noi ci siamo dentro col grave debito lasciatoci da quel modo di "socializzare" la ricchezza che prima ricordavo. Inoltre, siamo in una fase di veloce trapasso sociale con l'immissione di milioni di lavoratori e futuri cittadini con origini e culture molto diverse, da noi e fra loro. Ma la questione più importante, quella decisiva è costituita, come sempre dalla capacità di agire comunque siano le circostanze. In questa nuova era una cosa è certa. La cultura politica che è stata fino ad oggi, ora più che essere inefficace è deleteria. Cambiare non è questione desiderabile ma vitale per guardare al futuro e sperare. Cominciano ad arrivare segnali la cui concretezza è da verificare anche dalla politica, certo che se tutto si risolvesse in alcuni tagli dimostrativi poco cambierebbe. La cura tenderebbe soltanto a dilazionare il problema, senza cambiarne la sostanza. (Nell'immagine, il martelletto del giudice. Ovvero: quando il voto di scambio e la politica "all'italiana" esagerano, tocca a qualcun altro prendere decisioni).

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net