Politica/ I tempi e i modi del ridurre le spese

Paolo Mieli è il direttore del Corriere della Sera. Persona moderata e autorevole, in una recente conferenza, rivolgendosi agli esponenti del governo in carica in quel momento (che lui dichiarava di aver sostenuto), ha sviluppato un ragionamento su una cosa da fare e sui tempi nel quale farla. L'argomento generale che Mieli trattava era la semplificazione degli apparati pubblici e la stanchezza dei cittadini, dubbiosi sulla loro utilità e sui costi. Il tema particolare era invece la riduzione della squadra di governo che, comprensiva di ministri e sottosegretari, assommava a più di cento persone.

Per chi non ha tempo di approfondire, chiariamo che il governo Prodi, al quale Mieli si riferiva, era formato da un primo ministro, un vice primo ministro, un numero di ministri tra i 15 e i 20, e un numero di sottosegretari (o viceministri) che faceva arrivare il totale a 112. Mieli sollecitò, ripetutamente e insistentemente, il governo a ridurre il numero della squadra. Affermando, con durezza che "non se ne poteva più" e che la riduzione andava fatta "l'indomani mattina e non nella prossima legislatura".

L'avesse detto Beppe Grillo, vi avremmo fatto meno caso. Detto da Paolo Mieli, la cosa colpisce. Quanto richiesto dal direttore del Corsero è da considerare un segno dei tempi, una richiesta di grande importanza perchè la riduzione di una squadra di governo è sì atto poco più che simbolico dal punto di vista del risparmio, ma è straordinariamente efficace per indicare le reali intenzioni di chi governa riguardo alla riduzione delle spese.

Il racconto di un episodio può essere utile per capire come, in questi ambiti, ci si muova nella "grande politica". Diversi mesi orsono la Commissione per la riforma delle Istituzioni della nostra Regione (col solito profluvio di sedute, di fasci di documenti, di viaggi e di gettoni di presenza), era arrivata alla conclusione democratica, moderna e più o meno unitaria che il numero dei consiglieri regionali andava aumentato nella prossima legislatura. Ogni consigliere costa a tutti noi sui 100/150mila euro l'anno di solo stipendio.

Un importante membro di quel consesso disse che l'aumento era per lui opportuno "perchè a conti fatti il mio partito può aumentare la propria rappresentanza ad almeno un consigliere per provincia". Non stiamo scherzando. Il ragionamento fu quello: testuale e documentabile. Dopo le irriverenti manifestazioni promosse da Beppe Grillo e la pubblicazione del libro "La Casta", l'allora segretario dei Ds, Piero Fassino, annunciò durante un'intervista che gli aumenti del numero dei consiglieri in atto nelle regioni andavano fermati.

Se ne potrebbe dedurre che la politica, più che marciare per determinati obiettivi, marcia "coi nervi a fior di pelle". Anche se non tutte le responsabilità possono essere messe in capo ai partiti. Troppo comodo. La realtà è che nel nostro Paese si reagisce solo quando si ha l'acqua alla gola. O la "merda", come in Campania.

Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net