Quel che stupisce é lo stupore

stupore 1Pochi minuti fa alla notizia che le entrate fiscali nel primo trimestre 2012 sono praticamente rimaste stabili ma “sotto” di quattro miliardi rispetto alle previsioni del governo, c’é stato un moto di panico e stupore. Con gli aumenti a grandine si aspettavano molto di più. Ancora una volta il nostro establishment ci stupisce per il suo stupore. Cosa ci si poteva aspettare in un momento simile?

Cosa credevano che aumentando le aliquote di tutto aumentassero automaticamente anche le entrate? E’ successo quello che ovviamente era prevedibile succedesse: la gente senza lavoro e senza soldi consuma drasticamente meno. I pochi che avrebbero ancora capacità di spesa  sono oggetto di continue “attenzioni” da parte del fisco e il finale non potrebbe essere più scontato: cala il gettito.

E ovviamente visto che stanno finendo gli ultimi spiccioli calerà sempre di più. Veramente i nostri riescono sempre di più a sorprenderci con le loro finte sorprese. A proposito temiamo che qualche altra sorpresuccia possa derivare anche dalla imminente sadoimposta IMU. Per due buone ragioni. In primo luogo perché passa, pretendendo soldoni buoni ricchezze, quasi sempre virtuali come ben sanno i proprietari che dovranno pagare cifre astronomiche per le case date in comodato ai figli. In secondo luogo perché le modalità di pagamento sono tali da rendere la vita difficile anche ai più pazienti, esasperando un clima già pieno di tensione. Ricordando un articolo di qualche giorno fa, ci sembra che la vite in cui sta finendo l'aereo Italia si avvicini sempre più al suolo. (Nella foto: l’espressione di perplessità dei nostri leader di fronte alla singolare constatazione che chi non ha più un soldo non può spenderlo).

A.C.

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net