Cry time

sole che piangeE’ forse arrivato davvero il tempo di piangere. Dopo molti anni di lenta discesa quest’anno sembra si faccia davvero sul serio. Guardando la città vuota e la spiaggia semideserta nessuno che abbia ancora qualcosa in testa e nel cuore può sottrarsi, secondo noi, a questa sensazione. Fanno come al solito lodevole eccezione i nostri politici che, senza un solo accenno di autocritica, incolpano gli altri di quello che sta accadendo.

Così Melucci può attaccare gli albergatori che non investono, Gnassi una città che sente troppo inferiore a sé e alle sue aspettative, il semidimenticato Vitali che la vede prevalentemente popolata di parassiti, evasori fiscali e così via via tutti gli esponenti dell’attuale potere tanto di maggioranza che di pseudo opposizione. Come dicevamo nemmeno una frase di autocritica anzi neanche una parolina. Le voragini di Palas, Fiera, aeroporto con tutta la galassia delle partecipate e/o controllate? Tutti assolti anzi autoassolti! La prossima mega-inutile assurdità? Il TRC? Tutti assolti anche lì! Non c’é niente da fare é proprio arrivato il tempo di piangere.(Nella foto: anche il sole piange guardando la città di Rimini)

W

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net