Appesi a una scatola di tavor

tavor lorazepamCon il fallimento dell’asta dei BTP decennali di ieri, la crisi che per 5 anni aveva marciato sul filo di un piano inclinato evidente ma quasi sopportabile, almeno per le psicologie indotte dalla comunicazione di massa, ha imboccato la ben più pericolosa forma di una velocissima spirale a scendere. Per i tecnici si chiama "elicoidale" Sono quelle che capitano agli aerei quando vanno in stallo.

Così sta avvenendo per l’Italia e forse era inevitabile. I già annunciati provvedimenti fiscali daranno l’ultima accelerazione a questa vite. Ieri se n’é accorto persino il presidente dei dottori commercialisti: Siciliotti, che con una relazione senza precedenti ha attaccato il “sistema” presente e passato. Peccato che come tutti gli italiani  a capo di qualcosa (la mai abbastanza deprecata "classe dirigente")arrivi sempre almeno dieci anni dopo.

Nella crisi generale si inserisce quella particolare del nostro paesello adriatico. Dopo un tam tam di settimane ormai si é capito che anche questa “stagione” andrà malissimo. Ma stavolta non sarà possibile nasconderlo. I numeri che si conoscono già: prenotazioni, acquisti, scorte, non lasciano dubbi. L'unica piccola incertezza é se sarà un meno venti o un meno trenta percento. Comunque cifre da incubo. L’ultimo genere che tira sono, é ormai noto, gli antidepressivi. E’ triste pensare che debba finire così, ma l’antica capitale del divertimento diventerà, con ogni probabilità e purtroppo, la mecca delle benzodiazepine. (Nella foto: l’ultimo “presidio” degli italiani e dei riminesi)

W

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net