Rimini/ E’ scoppiata un’epidemia! (l’ “imuite” si diffonde con la rapidità della “Spagnola”).

 

pesteOggi ufficialmente, leggendo i quattro quotidiani cartacei locali si può dar per scoppiata l’epidemia di “imuite” acuta. Dopo mesi di silenzio e poche uscite tranquillizzanti, tutti sembrano essersi accorti della furia devastatoria della sado-tassa di cui fra poche settimane verrà pagato l’acconto.

Fatte le debite proporzioni sembra l’incedere della peste manzoniana. Prima negata, poi minimizzata, poi esplosa con furia anche nell’opinione pubblica tanto da far finire bruciati un po’ di untori. Ne seppe qualcosa anche il povero Renzo Tramaglino che se non fosse stato salvato dai monatti avrebbe rischiato il linciaggio per avere spolverato la panca di una chiesa. Tornando a bomba all’ “imuite” acuta adesso i giornali sono pieni di simulazioni che dimostrano come che chi pagava cento oggi pagherà almeno il triplo su una comune prima casa e sei sette volte sulla casa costruita negli anni e data ai figli classificata impietosamente "seconda casa"

Tralasciamo volutamente i particolari raccapriccianti riguardanti opifici, negozi, attività, terreni agricoli. E tralasciamo anche il supplemento di crudeltà rappresentato dalle modalità di calcolo e versamento. Tuttavia anche l’ “imuite” esplosa oggi sui giornali trascura l’aspetto più inquietante. E cioè l’effetto sulla solidità patrimoniale delle famiglie che non solo dovranno destinare una bella fetta del loro reddito a favore della sado-imposta ma si vedranno svalutare il valore degli immobili.

Già ne aveva parlato il presidente del Censis un paio di settimane fa, era stato brutalmente zittito ma ora cominciano a dargli ragione. La valanga di case “buttata” sul mercato immobiliare dai proprietari incapaci di reggere l’ “imuite” acuta porterà e anzi ha già portato a un calo fortissimo dei valori. Questo nonostante le smentite ufficiali. Ultima quella di ieri di Bankitalia. Ma sono smentite che non convincono nessuno e cominciano a far paura alle banche che si trovano con le garanzie svilite.

Di questo aspetto, noi, è almeno un anno che ne parliamo, ancor prima dell’IMU poichè quest’ultima imposta è solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso già pieno. Tuttavia quando l’effetto perverso: IMU-diminuzione valori-garanzie bancarie si renderà manifesto arriveranno i dolori grossi. Più grossi di quelli prodotti direttamente dalla neo sado-imposta patrimoniale. (nella foto: l'effetto dell' "imuite" sui patrimoni non è molto diversa da quella della peste manzoniana sui corpi).

 E.B.

 

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net