Economia/ Il buio oltre la siepe. Ma per qualcuno, Rimini ad esempio, il buio sarà più cupo.

fantasma_tremonti1In questa domenica dal tempo incerto abbiamo avuto la prova, ammesso che ve ne fosse stato bisogno, del marasma in cui è caduta la politica economica italiana. Riassumiamo la situazione per punti perchè ce n'è bisogno:

1) Dopo la "nota" della Deutsche Bank, di cui davamo conto ieri, che suona come una vera e propria condanna a morte, sia per il "metodo Draghi" che per l'Italia (e la Spagna), oggi arriva un viceministro (Grilli) che dice: "...ormai il peggio è passato...la ripresa è dietro l'angolo...". Ovvio che tutti hanno pensato di risentire il fantasma di Tremonti e hanno cominciato a toccarsi...

2) Infatti, appena esaurito l'effetto di questa pseudo notizia arriva la mazzata -nascosta nelle pieghe del "decretone fiscale"- dell' "IMU bis" cui potranno/dovranno attingere i comuni che vorranno/dovranno finanziare progetti e infrastrutture. Passate presenti e future, e , aggiungiamo noi, utili o inutili.

3) La notizia ha suscitato scalpore perchè "la doppia IMU" (quindi il moltiplicarsi di un' imposta in versione normale, già con aliquote espropriative) fa tremare i polsi oltre che dei cittadini, anche ai politici più scafati.

4) Figuriamoci a quelli di primo pelo, tipo l'assessore al bilancio di Rimini, Brasini, che, in una botta d'orgoglio ha detto: "basta!!...E' come sparare a un morto!" (intendendo il contribuente italiano e quello riminese nello specifico). In un certo senso ha ragione, ma dimentica che con suo sommo disgusto, per finanziare le voragini Fiera, Palas, Trc questa nuova super-mega imposta dovrà essere applicata. Volenti o nolenti. E questo nonostante il solito Vitali che, per dire qualcosa, invoca "da subito" l'imposta di soggiorno che rispetto alla "doppia IMU" è come il solletico.

5) In questo caos sfugge ai più quello che è chiaro alla Deutsche Bank. L'Italia, nonostante il governo dei tecnici e anzi forse soprattutto per "merito" loro, è stata "pesata"-"giudicata" e "trovata scarsa e venduta" (per dirlo con la Bibbia: Libro di Daniele cap.5 - 24.28.). Quindi nelle prossime due o tre settimane il debito italico sarà oggetto di un attacco senza precedenti essendo l'Italia pronosticata in piena recessione e senza ritorno. Altro che la: "ripresa in vista" di Grilli (alias Tremonti).

6) Il bello è che, nonostante in Europa siano in carica solo "governi tecnici" di centro destra, tutti sperano che in Francia vinca Hollande. Per dire dove arriva la forza della disperazione. Col che sperano di ammansire la "Cancelliera europea" Merkel. Ma è una pia illusione. Hollande (probabilmente) vincerà, ma ci vuole ben altro che lui, Monti, Rajoy ecc. per fronteggiare "frau Angela" e i suoi giannizzeri. E così gli ultimi risparmi e le "case dei genitori" tanto care ai riminesi tramite la "doppia IMU" finiranno sacrificate ai vari Moloch finanziari di cui Angela, super Mario, ecc. sono i sacerdoti e un po' i Brighella. Povero Brasini con i suoi no! Imperiosi e, in fondo, anche giusti. Ma per lui vale quel che fa dire Manzoni ai monatti che raccattarono Renzo: "Non sarai certo tu, untorello, che spianterai Milano". E così si può concludere la cronaca di una ventosa domenica di ordinaria terribilità in un'Italia da far paura. Stavolta per davvero. (Nella foto: il fantasma dell'ex ministro/sciamano Tremonti continua a profetizzare: "La ripresa è dietro l'angolo...").

Woland

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net