Rimini/ Quale "Skema" per il futuro? (seconda parte)

Pubblichiamo la seconda parte della lettera che abbiamo intitolato "Rimini/ Quale Skema per il futuro" la cui prima parte avevamo pubblicato venerdì scorso. Ricominciamo dal concetto della "eccedenza di culi", rispetto alle poltrone a disposizione.

... Anche qui bisogna intendersi, non è che queste siano diminuite, anzi! E' il numero dei pretendenti, cioè dei culi, che si è smisuratamente dilatato. Per due ragioni: la prima l'abbiamo detta. Il "privato" è in crisi ed oltretutto molto "tirato". Ora gran parte della ricchezza,nazionale e locale, è intermediata dal "pubblico" che si finanzia con tasse e tariffe e non è soggetto a concorrenza. Finchè i cittadini /sudditi riusciranno a pagare il "pubblico", che prende e, a modo suo ridistribuisce, tutto va bene.

E' ovvio che per un professionista avere come "cliente" un ente pubblico è ben altro (e miglior) cosa di un'azienda magari importante. Una seconda ragione è che mentre fino ancora a pochi anni fa i riferimenti professionali potevano avvenire più che altro per ragioni di "area" e/o simpatia ideale e/o ideologica, ora a questo unico riferimento, si sono sostituiti una miriade di legami più diretti e personali all'uno o all'altro politico di turno.

E i politici che cercano di contare (o contano) nelle attuali condizioni sono parecchi e non poco ambiziosi. Anche perchè sono smisuratamente aumentate le gratificazioni economiche legate al potere politico mentre sono precipitate quelle dei comuni cittadini. Nello stesso tempo, la pratica scomparsa dei partiti classici, sostituiti da stabili o estemporanei "comitati elettorali" legati a un nome, rende davvero enorme il numero potenziale dei professionisti di ogni tipo, che (a torto o a ragione) ritengono di aver diritto a qualcosa dal loro "politico di riferimento".

Questo avviene, sia a livello nazionale che, via via, a livello locale e le storie riminesi di questi giorni non sfuggono a questa realtà. Che al di là dello Studio Skema o di qualche altra sigla, segna la fine di un mondo e l'inizio di un altro. Alla domanda ipotetica "quale dei due è migliore?" non vi è risposta. Oppure, a seconda dei gusti, ognuno darà la risposta che preferisce. Il rapporto tra gli uomini è, più o meno, sempre stato regolato dalla massima: "homo homini lupus". Questo specialmente in tempi "duri" quali quelli attuali, ove il denaro è l'unica misura dell'uomo.

Vent'anni fa o anche meno si faceva caso maggiormente alle forme e, sempre il caso, poteva far sì che, per certi versi, salissero ad alte responsabilità uomini "meno organici" o "non organici" (ricordiamo a titolo di esempio Alfonso Vasini ai vertici Amia a metà anni novanta, ma ci sono anche altri casi, anche di alto livello, fino a tempi recenti).

Chiederlo oggi ai politici attuali sarebbe assurdo, perchè l'odierno sistema proprio per la sua crisi (sua e del Paese), non può che fatalmente ridursi a una difesa "stretta" attorno ai momentanei capi e ai loro "comitati". La "conventio ad excludendum" degli "altri" non solo è ma deve diventare sempre più ferrea. Non dimentichiamo poi che a Rimini una "quota" di posti, non infima, è "riservata" tacitamente all' "opposizione" (formale) che da noi vuole dire Comunione e Liberazione.

Anche in questo il sistema si è, in un certo senso, autoequilibrato. Includendo anche la (virtuale) opposizione. Ogni cedimento all'esterno farebbe franare un potere, piccolo o grande che sia, rendendo insicuro l'intero "gruppo". Questa situazione, tipicamente italiana, non si sa quale sbocco possa avere. Per ora va avanti così. Il pezzo cadrà solo se cadrà l'insieme. Ma allora l'urto sarà duro, per davvero.

Concludendo, "Skema" o "Skemisti" non sono il problema ma la semplice manifestazione di esso e dell'irrisolto dilemma del rapporto tra "Politica" e "Competenza", tra "Pubblico"e "Professioni" e del percorso che le nostre società, uso volutamente il plurale, hanno intrapreso nel decennio "post"; "post" che cosa? Mah!


                                                                                                                                                                                                               Lettera Firmata

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net