Costume/ L'Italia manca, palesemente, di uomini dotati di senso dell'onore

Piu’ uomini si comandano, e più alto è il pericolo, tanto maggiore è l'onore necessario ai capi per essere credibili e guidare i tanti verso la salvezza. Tanto di più sono l'intelligenza, la serietà dei comportamenti, la determinazione, il coraggio ed un manifesto attaccamento all'interesse generale e in modo palesemente sovrastante all'interesse particolare dei singoli o dei gruppi, tanto più grande è l'onore.

Noi italiani, nella nostra storia, abbiamo avuto uomini di sicuro onore ed altri, minori, che hanno cercato di marciare sulla strada dell'onore. Oggi, come in altri difficili momenti del passato, avremmo bisogno di tali uomini, di gente d'onore e di gente che cerchi, anche tra le difficoltà ed i limiti, la sua strada verso l'onore. Non ho alcun dubbio che il nostro Paese abbia nel suo corpo uomini capaci di percorrere la strada dell'onore, e che il nostro problema sia lo sgombero dai tanti piccoli e grandi flagelli che intralciano od impediscono il cammino.

Fino ad oggi ciò manca, ed ognuno pensa a se stesso, oppure contribuisce al successo delle frazioni e delle fazioni all'interno delle quali pone una improbabile salvezza, immaginando per queste un indebito ruolo universale di conquista. E' ancora in questa sciagurata e trionfalistica logica che, nonostante si sia sull'orlo del burrone, non passa giorno senza che ci giungano le ultime invettive che le fazioni si scambiano gabellando la protervia e gli interessi privati sotto la copertura della rappresentanza collettiva.

La situazione e i comportamenti fuori luogo, esigono un cambiamento non più rinviabile e l'attenzione verso una quantità di uomini d'onore, che eventualmente temperati dalla umana tolleranza e  compassione oltre che allenati al rigore, potrebbero anche essere migliori  di quanto possiamo immaginare.


Steve

Articoli Correlati

   Copyright © Riminipolitica.com - Testata giornalistica - aut. trib. di Rimini n° 12/2007 del 26 aprile 2007
Dati Anteprima.net