logo e-dicol@




  logoFum.Ante! si sta rinnovando su
www.manganews.it
Aggiornate i bookmark e nel frattempo continuate a leggere!
Planetes 
Con l'arrivo del 2003, Planet Manga dimostrerà ai suoi lettori che la collana "Manga 2000" non concentrerà il suo interesse solo sulla fantascienza sperimentale e innovativa. Uno dei titoli di prossima pubblicazione, infatti, è più vicino alle tematiche della Science Fiction classiche alla Asimov, piuttosto che alle dimensioni oniriche di "Blame!!".
"Planetes" è una recente serie pubblicata in Giappone da Kodansha, scritta e disegnata da Makoto Yukimura. Dopo un buon successo in patria, il manga è già comparso in Francia per "Generation Comics" e in Germania proprio con il marchio "Planet Manga".

Nell'anno 2070 la razza umana ha costruito una base mineraria sulla Luna e ha spedito uomini ad esplorare Marte. Sono stati inviati anche i primi esploratori verso Giove e stanno raggiungere la loro destinazione. Nel frattempo, sulla Terra, i rifiuti spaziali o "Deburis " aumentano sempre più e la loro raccolta è ormai divenuta una professione. Questo manga narra le storie di Hachimaki, Yuri e Fee, "Raccoglitori di Deburis" dello spazio. Il sogno di Hachimaki è di comprarsi una nave spaziale. Pensa di poter guadagnare bene raggiungendo l'equipaggio della prima spedizione su Giove. Yuri ha perso sua moglie in un incidente aerospaziale. È diventato un raccoglitore di deburis solo per ritrovare un suo ricordo. Fee è orgogliosa di essere una raccoglitrice di rifiuti e lavora duramente, lasciandosi alle spalle il marito e un giovane figlio. Lavorano come "Raccoglitori di Deburis", in un universo oscuro e crudele, ognuno con i propri problemi personali.
Da www.kodanclub.com

A differenza di altri manga di fantascienza nipponici, in "Planetes" non troviamo grandi eroi e nemici implacabili e crudeli, né robot giganti o entità aliene misteriose. Ma solo persone comuni, impegnate nel loro lavoro e nella vita quotidiana, influenzate profondamente dalla permanenza più o meno forzata nello spazio. La storia è molto verosimile e l'autore si impegna a fondo nel garantire la plausibilità delle situazioni descritte, basandosi su presupposti scientifici veri e comunque coerenti con la visione d'insieme. Questa scelta implica l'inclusione di tematiche e di una terminologia specifica non sempre di immediata comprensione, che richiederanno un buon impegno da parte dei traduttori e l'utilizzo di un apparato di note esaustivo e ben strutturato. Inoltre, seguendo una delle tradizioni della fantascienza "classica", la vita nello spazio porta con sé grandi interrogativi e non è raro vedere i personaggi porsi domande sulla propria esistenza e sul significato della vita umana.
Lo stile della narrazione è lento, l'azione è posta in secondo piano, per dare risalto appunto alla riflessione e alle profonde tematiche affrontata. Pur essendo un'opera recente (2001), questo manga potrebbe quindi non soddisfare le aspettative di coloro che prediligono il lato più "dinamico" del fumetto giapponese.
Anche dal punto di vista grafico "Planetes" mostra le stesse caratteristiche accennate poco sopra: i disegni sono molto particolareggiati e realistici, ben lontani dagli estremismi rappresentativi di "Blame!" o di "Maken X". I personaggi sono caratterizzati con cura e non vengono sfruttati, se non in rari casi, gli stereotipi tipici di alcuni manga. Particolare attenzione è posta sul mecha design, che d'altronde svolge un ruolo di primo piano nell'opera, ed è accurato e perfettamente plausibile.


 

Alcune immagini tratte da "PLANETS"




 
© degli aventi diritto
Jacopo
 
Dati Anteprima.net