Itinerari : Il Santerno a Firenzuola

Itinerario suggerito da : Lorenzo Mangini

cartina

Come arrivarci : Occorre raggiungere Firenzuola dalla strada statale del Passo della Futa da Bologna o Firenze, oppure uscita Barberino di Mugello dall'autostrada A1 per chi viene da Firenze, uscita Roncobilaccio per chi viene da Bologna.Occorre superare Firenzuola sulla via per Imola e si può pescare da valle di Firenzuola in giù. All'altezza di San Pellegrino si può iniziare a prendere in considerazione il fiume.

Descrizione : È un luogo ancora recesso dai contrafforti dell'appennino tosco-emiliano, isolato dalle grandi vie di comunicazione, ma di un fascino speciale. Il letto del fiume è costellato di enormi massi di pietra serena, industria fiorente a Firenzuola. Occorre pescare molto 'di fino', ma le sorprese sono dietro l'angolo...
Martin da 2 o anche da 1 fatti scorrere velocemente dànno buoni risultati, ma anche i minnows sono buoni. Pure la mosca, se usata correttamente, fa salire le trote dai nascondigli. Per chi non pesca con esche artificiali, il fiume è ancora ben popolato di barbi 'nostrani', e, a tratti, di barbi canini.
Attenzione a camminare sulle sponde: spesso sono molto scivolose.

Pesci presenti : Cavedani, trote fario, non molte, ma anche di dimensioni 'rispettabili'.

Permessi : Licenza cat. B. Chiusura ciprinidi: 1 maggio-16 giugno; salmonidi: prima domenica d'ottobre-ultima di febbraio. Acque classificate 'a ciprinidi' fino a a monte di Firenzuola (Cornacchiaia).

 

Dati Anteprima.net