ATTENZIONE : questa articolo del sito e' stato spostato al seguente indirizzo
http://www.spinningonline.it/magazine/articolo.asp?articolo=51
Su Anteprima.net continuera' ad esistere senza pero' aggiornamenti.
Si prega gentilmente di aggiornare i bookmark. Grazie

la cannaAttrezzatura : il filo

Le caratteristiche principali di un filo per spinning sono una buona morbidezza, il carico di rottura ( chiaramente deve essere il piu' alto possibile compatibilmente al diametro ) e il minor effetto memoria.

La scelta del diametro del filo, strettamente legato in modo proporzionale al carico di rottura, e' influenzata principalmente dal luogo di pesca ed in seconda battuta dal peso dell'esca.

Per esempio, luoghi pieni di ostacoli ( canneti, ninfee, tronchi etc. ) necessitano fili con alto carico di rottura ( quindi anche diametro ) per riuscire a recuperare il pesce allamato che tentera' di intanarsi tra gli ostacoli. Esche estremamente leggere ( quali i popper ), durante la fase di lancio, non accumulano abbastanza "energia" per poter sbobinare in modo adeguato fili con elevati diametri ( tipo 0,30 ); il risultato e' un lancio corto di pochissimi metri.

Ricordate il discorso sul mulinello con piu' bobine intercambiabili ? L'ideale e' avere piu' bobine caricate con fili con diametri diversi per ogni situazione.

Semplificando il tutto, un filo del diametro di 0,25 ( carico circa 5 kg. ) puo' rappresentare la scelta corretta per la maggior parte delle situazioni ( per le esche estremamente leggere si ricorre a trucchetti spiegati nella sezione relativa ).
I luoghi da voi frequentati, i pesci insidiati e le esche utilizzate, vi faranno automaticamente sceglere poi il vostro filo ideale.

Essendo il filo sottoposto a notevole usura ( sfregamenti contro ostacoli ed anelli guidafilo, stress di trazione, etc. ) e' bene cambiarlo il piu' frequente possibile.

Da segnalare i fili di nuova generazione , trecciati e fusi, che oltre ad avere pochissima memoria e buona morbidezza, hanno ( sogno di chi pratica spinnning ) diametri bassi ( 0,14-0,18 ) con elevati carichi di rottura ( 8-12 kg.). Il loro difetto e' l'attuale costo molto elevato.
In figura sono mostrate delle bobine di trecciato e di "trecciato" fuso ( non a caso il nome "fusion" ). La differenza consiste nelle modalita' di costruzione ed il "fuso" costa circa la meta' del trecciato puro.

Trucchi per un corretto imbobinamento:

1) se la capacita' della vostra bobina e' superiore al volume del monofilo che volete montare, sul fondo della bobina avvolgete della lana.

2) nel caso volete provare un filo trecciato o fuso ed avete un mulinello non adatto a tali fili, sul fondo della bobina mettete uno strato di gomma di bicicletta. Qualsiasi negozio di biciclette vi fornirà una camera bucata senza problemi. Questo stratagemma evita lo scorrimento del filo trecciato perche' slitta sulla bobina come se non lo avessimo fissato. La gomma fa attrito e il filo non slitta più.

Nella sezione tecniche troverete spiegati i principali nodi per fissare il filo alle nostre esche od ad una eventuale girella C'è chi la usa per cambiare velocemente l'esca senza perdere tempo e risparmiare filo mentre i puristi sono contrari al suo uitlizzo. Questione di gusti!

 




Associazione Mario
Albertarelli

NASCE ALIEUTICA!
Maggiori informazioni
sul WEBLOB

Attrezzatura
La canna, il mulinello, il filo, gli accessori....
ossia tutto l'occorrente per pescare.

La Canna

Il Mulinello

Il Filo

Gli Accessori
Dati Anteprima.net