ATTENZIONE : questa articolo del sito e' stato spostato al seguente indirizzo: http://www.spinningonline.it/magazine/articolo.asp?articolo=10
Su Anteprima.net continuera' ad esistere senza pero' aggiornamenti. Si prega gentilmente di aggiornare i bookmark. Grazie

Diario d'Appennino

SENTIERI SOTTO LA NEVE

Calma apparente.
Mondo che respira leggermente.
Tutt'intorno il silenzio è padrone assoluto. Il bosco è come incantato, stregato.
Ma gli animali osservano in silenzio.
Il Volpe annusa l'aria in cerca di prede, il Lepre resta immobile nella tana.
Altri animali sono in letargo, altri lottano per la vita.
I Caprioli cercano riparo sotto alle fronde degli abeti rossi, le Marmotte dormono già sonni profondi alle quote più alte, la Cincia s'arruffa le penne del petto e ci nasconde la testa.
Con ritmo alternato procedo nel bosco incantato. Solo io ed un silenzio irreale tutt'attorno. Fa quasi paura, la nebbiolina s'insinua sopra ogni cosa, dentro ad ogni dettaglio. Il vento muove con calma le fronde degli abeti carichi di neve, sussurra la sua padronanza. Il Signore del Bosco, il Lupo, certamente sarà sulle tracce di una preda. Eterno gioco di sopravvivenza, dove il sacrificio di una preda si trasforma in vita per un'altra razza. Eterni e sottili equilibri di giochi e di ombre, di regole, d'istinti, di sguardi. Con le racchette da neve percorro i sentieri sotto la neve, sentieri battuti dagli animali: Cinghiali, Caprioli e Daini.
Ne percepisco la presenza, sento i loro occhi addosso alla mia persona. Gli Scoiattoli saltano da una fronda d'albero all'altra, con sicurezza e maestria non sbagliano mai l'atterraggio. Il mio ritmo è adeguato all'atmosfera, all'ambiente.
Passi lenti, cadenzati, quasi senza rumore le racchette lasciano il segno nella neve farinosa, bianca, pura. Miliardi di cristalli che mi circondano e nessuno uguale, tutti con la loro forma, la loro personalità. Ed il bello è che io mi sento come fossi a casa mia. Il ruscello è quasi completamente ricoperto di neve, ma l'acqua mi parla ed io mi perdo nell'ascoltarla. Ha un sorriso felice, e felice scorre a valle, senza fretta, con calma, con maestria. Riesco ancora ad emozionarmi, a piangere di gioia. Con ritmo alternato continuo a camminare.
Sto scivolando dentro un Mondo migliore, come in grembo ad una Madre, come tra le braccia di un' amante, come negli occhi di un fanciullo.
Sentieri sotto la neve, voglio percorrervi per ritrovarmi...




Associazione Mario
Albertarelli

NASCE ALIEUTICA!
Maggiori informazioni
sul WEBLOB

Diario d'Appennino.
I pensieri, le idee, i segreti, le tecniche di un pescatore appassionato e appassionante. Cronache di pesca e non solo, tutte da leggere.

INDICE DELLE CRONACHE

Cerca nelle cronache
(frase, parola, nome, etc.)
Dati Anteprima.net