logo e-dicol@

Il "Ghiottone Viaggiatore" si e' stato spostato al seguente indirizzo www.michelemarziani.org
Si prega gentilmente di aggiornare i bookmark. Grazie

Luoghi del cibo

IL RAMO D'ORO

Cibi per vegetariani, suggestioni gastronomiche per tutti

In Italia i vegetariani sono quasi tre milioni e secondo l'Eurispes diventeranno piu' o meno 30 milioni entro il 2050. Lo dice Licia Granello in una bella inchiesta su Repubblica, lo conferma l'incontro quotidiano con un numero sempre maggiore di adepti dell'insalata. A Rimini e dintorni esistono due o tre luoghi del cibo destinati a chi ha deciso di eliminare la bistecca dalla propria vita. Fino a poco tempo fa si trattava di mense per asceti, dove la flagellazione del palato serviva probabilmente ad espiare le colpe di una passata vita carnivora. Ho mangiato due o tre volte in questi luoghi, soprattutto d'impostazione macrobiotica e devo dire che in alcuni casi ho immaginato piu' gustoso un sano digiuno. Per fortuna i tempi cambiano e un po' in tutta Italia si sta scoprendo che si puo' essere vegetariani senza per questo essere masochisti (solo in cucina, s'intende). A Rimini il profeta di questa nuova e golosa tendenza e' Werther Crescentini che da tempo ha aperto il ristorante il Ramo d'Oro (tel.0541 29447), nel centro di Rimini dove aveva sede l'indimenticabile Rivadonda. Cantante lirico, musicista, musicofilo dall'animo inquieto, Werther Crescentini e' un caro amico di vecchia data. Uno di quelli che nelle cose ci mette passione. Non sara' pero' l'amicizia a impedirmi di dire che una rinfrescata ai menu' (un po' logori e inzaccherati), qualche nota esplicativa un po' piu' approfondita (giusto perche' uno abituato ai primi e ai secondi si faccia un'idea...) e una maggior solerzia nel servizio, renderebbero piu' gradevole l'incontro con questo locale di rottura. Di rottura si', con una serie di schemi gastronomici. Non tanto perche' le proposte sono prive di carni e di pesci e neppure perche' tutte le materie prime, nessuna esclusa, sono certificate biologiche o, meglio ancora, biodinamiche, ma perche' il menu' guarda al mondo e lo fa bene. Sfruttando passioni e competenze maturate nella cucina italiana (gli ottimi i ravioli con la rapa rossa e i semi di papavero), nell'ambito della cucina prettamente vegetariana (tagliatelle alla zucca e porri) e in giro per il mondo da dove nascono, anche per tradizione dei cuochi che si avvicendano in cucina, i piatti piu' interessanti del Ramo d'Oro. Si puo' infatti passare dagli ottimi Falafel africani accompagnati dal Chutny dello Sri Lanka con cocco e peperone verde, al cous cous tunisino sia di frumento sia, ghiottissimo, di farro, alle penne all'indonesiana con cocco e peperoncino, ai Til Roll (crocchette di patate al sesamo), ai piatti tipici della cucina indiana. Qui ci sono delle autentiche meraviglie per tutti i palati: Palak pamir di spinaci, indimenticabili Malay kofta (crocchette di patate e pamir - che sarebbe un formaggio - in salsa mugalay), Began berta (riuscita crema di melanzane e arachidi) e, soprattutto, le lenticchie piccantine, saporite, fresche, avvolgenti, profumate. Un piatto di lenticchie di quelli per cui si potrebbe benissimo rinunciare alla primogenitura e tanto altro. Da sole valgono una sosta al Ramo d'Oro. Luogo di rottura dicevamo, ma anche locale curioso, dove chi non e' vegetariano trova comunque pane (o meglio Chapati e Parota) per i suoi denti. Assolutamente da apprezzare l'abbinamento di tutti i piatti con fiori commestibili (e gustosi...), mentre, a fianco di bevande rappresentative di tanti angoli del mondo (oltre a una piccola carta di vini biologici con qualche interessante bottiglia, ci sono ottime birre, the alla menta, latte di riso, succo di mela...), fa sorridere la presenza di bibite come la cola e l'aranciata, con le bollicine ma assolutamente biologiche. Nel locale e' vietatissimo fumare. Sara' poco democratico, ma permette di godere molto meglio di aromi e profumi. Conto medio sui 18-20 euro, bevande escluse, ma si puo' sostare con molto meno, anche a pranzo.

Home page Pensieri sul vino Taccuino dei Sapori Ricette Luoghi del Cibo
Appunti di Viaggio Indirizzi Golosi Torna ad E-dicol@

© Anteprima.net
Dati Anteprima.net