Tecnica, tattica & C.

Il battitore designato nella Mlb

di Stefano Quaino

Una delle differenze principali tra la National League e la American League e' la regola del battitore designato (DH - Designated Hitter), applicata solamente nello Junior Circuit. Come tutti sanno, il DH e' quel giocatore che, pur non essendo impiegato in difesa, e' designato a battere in sostituzione dei lanciatore partente e degli altri lanciatori.

Prendiamo il regolamento del baseball e leggiamo alcune norme a riguardo (ho scelto le piu' comuni, evitando quelle che si applicano in casi particolari).

- Un Battitore Designato per il lanciatore deve essere indicato prima dell’inizio della partita e deve essere incluso nell’ordine di battuta presentato all’arbitro capo

- Non e' obbligatorio per una squadra designare un battitore per il lanciatore, ma la mancata indicazione prima dell’inizio della partita preclude la possibilita' di usare il Battitore Designato.

- E’ possibile usare un sostituto battitore per il Battitore Designato: il sostituto del Battitore Designato diventa il Battitore Designato. Un Battitore Designato che sia stato sostituito non puo' rientrare in gioco

- Il Battitore Designato puo' essere utilizzato in posizione difensiva continuando a battere nello stesso ordine di battuta, ma il lanciatore deve prendere in battuta il posto del difensore rimpiazzato

- Un corridore di rilievo puo' sostituire il Battitore Designato: nel qual caso tale corridore assume il ruolo di Battitore Designato

- Se il lanciatore batte per il Battitore Designato questo determinera' la cessazione del Battitore Designato per il resto della partita

- Se un Battitore Designato assume una posizione difensiva, questo spostamento fara' cessare il suo ruolo di Battitore Designato per il resto della partita.

Come possiamo rilevare ci sono delle regole sulla sostituzione che, se non applicate, portano alla cessazione del Battitore Designato, obbligando il lanciatore ad andare alla battuta. Fino al 1972, nessuna delle due major league applicava la regola del DH, ma l’anno successivo qualcosa cambio': i dirigenti dell’American League si accorsero che il junior circuit stava attraversando un periodo di crisi e di scarso interesse da parte degli spettatori; con l’introduzione del DH speravano di accendere l’interesse da parte dei tifosi. (La National League, fondata nel 1876 e' chiamata Senior League o Circuit; la American League, fondata nel 1901, e' chiamata Junior League o Circuit)

In effetti furono necessarie un paio di stagioni per la completa "assimilazione" del DH, infatti i tecnici ebbero bisogno di qualche anno per poter utilizzare al meglio questo giocatore particolare. Nel 1976 il DH fece il suo debutto alle World Series ma, probabilmente, pochi sanno il sistema utilizzato in quegli anni; innanzi tutto, va ricordato che nella grande finale il fattore campo viene assegnato con il sistema della rotazione, indipendentemente dal bilancio in regular season: fino al 1993 la squadra della National League aveva il fattore campo negli anni pari, mentre la formazione della AL poteva usufruire di questo vantaggio negli anni dispari. (Lo sciopero del 1994 ha sfalsato la rotazione: nelle World Series di quest’anno, 2002 - pari, il fattore del campo e' stato assegnato alla squadra della American League).

Nelle World Series degli anni pari (quelle favorevoli alla NL) tutte le eventuali sette partite si sarebbero giocate con la regola del DH, mentre in quelle degli anni dispari (favorevoli alla AL) il lanciatore sarebbe stato obbligato a presentarsi in battuta. (Avete letto bene: non ho fatto confusione!) Questo sistema fu applicato fino al 1985: gara 7 tra Kansas City Royals e St. Louis Cardinals fu l’ultima gara disputata in uno stadio AL, senza la regola del battitore designato. L’anno successivo fu istituita la regola che vige ancora oggi: il DH puo' essere utilizzato soltanto nelle partite giocate negli stadi AL; nelle World Series di quest’anno, abbiamo visto il DH in gara 1, 2, 6, 7.

Sul Battitore Designato ci sono tantissimi dibattiti e polemiche: alcuni critici sono favorevoli poiche' e' il lanciatore in battuta e' un out automatico; i pitcher sono spesso dei battitori mediocri e tolgono interesse alla contesa. I detrattori (che forse sono in numero superiore) sono invece convinti che l’assenza del DH obblighi il manager a ragionare di piu', obbligandolo a pensare alla strategia piu' efficace: in quelle situazioni, si puo' intuire la bravura tecnica e tattica degli allenatori.

Stefano Quaino

Inizio Indice Tecnica, tattica & C.

Indietro

 

Dati Anteprima.net