Interviste

Andrea Paini: "Lavoro, lavoro, lavoro. E serieta'"

di Flavio Semprini

"Lavoro, lavoro, lavoro. E serietà nel presentare il lavoro prodotto". E' questa la ricetta di Andrea Paini, presidente dell'Oltretorrente baseball club, dell'Old Parma baseball & softball club e del Parma 2001. Le sue società sono molto attente ai settori giovanili e, ormai da diversi anni, hanno un rapporto molto buono con le scuole parmigiane. Lo abbiamo intervistato per farci raccontare la sua esperienza.

Vuole raccontarci come lavora l'Oltretorrente con le scuole?

Con le scuole elementari parmigiane abbiamo un rapporto consolidato da tempo. Con alcune maestre lavoriamo già da quindici anni. Attualmente, in una quindicina di classi, abbiamo dei corsi che vanno da novembre a maggio. A tenerli sono un insegnante Isef e dei tecnici Fibs. Naturalmente non facciamo solo baseball. Ci preoccupiamo, prima di tutto, che i bambini imparino i movimenti atletici elementari e fondamentali anche per altri sport: la corsa, il lancio, i salti, ecc. Solo dopo, insegnamo loro i fondamentali del baseball e del softball. Questo lavoro lo facciamo per un'ora alla settimana in ogni classe. Devo dire che siamo molto apprezzati, tant'è che ci vengono a cercare anche scuole di fuori città, ma non abbiamo le forze per esaudire tutte le richieste.

Avete dei buoni ritorni? Ovvero, i bambini e le bambine vengono poi al campo per giocare a baseball e softball?

Da quando affrontiamo il discorso scuole, abbiamo avuto degli incrementi graduali nel corso degli anni. Quando ci limitavamo al volantinaggio od alla cartellonistica pubblicitaria, avevamo un ritorno davvero esiguo. Diciamo 1 a 1000. In realtà, noi svolgiamo un lavoro che, secondo me, competerebbe di più ad una società di serie A, ma siccome nessuno lo fa... ci pensiamo noi. Dobbiamo per questo ringraziare i nostri sponsor che ci permettono questo tipo di approccio ai giovanissimi, nel quale noi crediamo fermamente. E che permettono alle scuole di avere questi servizi a titolo assolutamente gratuito.

Quante squadre gravitano attorno all'Oltretorrente, fra giovanili e maggiori?

Undici. E, in più, abbiamo una collaborazione molto intensa con il Crocetta Parma, la squadra di softball di A1. Il Crocetta è una realtà a se stante ma, lavorandoci assieme molto proficuamente, un po' la sentiamo come facente parte della famiglia. L'Oltretorrente ha una squadra in B, la Primavera campione d'Italia uscente, i cadetti, i ragazzi e la scuola baseball e softball. Quest'ultima non fa attività agonistica ma noi la "organizziamo" come fosse una squadra. Col Parma 2001 giochiamo in C2. Old Parma baseball & softball conta su una sqaudra ragazze, due squadre cadette, una ragazzi ed una allievi.

Obiettivi per il 2003?

Come ho già affermato in altre interviste: vincere un titolo a livello giovanile con il softball. Credo che i tempi siano maturi. Sempre nel softball, vorremmo accenture ancora di più il rapporto con il Crocetta, magari usando come "insegnanti" per le nostre bambine anche le giocatrici straniere. Infine, un discorso che ci interessa molto è quello di conquistare la promozione dalla serie B alla A2 nel baseball. Nello scorso campionato siamo arrivati terzi con una squadra giovanissima. Quest'anno potremmo ambire a qualcosa in più. I nostri tecnici sono bravi ed i ragazzi molto motivati. Vedremo. Come sempre, sarà il campo a decidere.

Flavio Semprini

23 gennaio 2003

Inizio Indice Interviste

Indietro

 

Dati Anteprima.net