Editoriale

Chi vincera' il campionato di softball?

29 aprile 2004 – Dopo aver "fatto le carte" al massimo campionato di baseball, proviamo a tracciare un quadro delle favorite allo scudetto del softball che comincia sabato prossimo. Sempre tenendo conto che è quanto mai aleatorio (ma, diciamolo, divertente), pronosticare e vaticinare a bocce ferme.

Il Bollate, campione in carica, proverà a ripetersi. La scelta di partire con due lanciatrici straniere di valore stratosferico quali la confermatissima Kelly Hardie e il nuovo arrivo Tanya Harding, fa capire come in casa delle lombarde si guardi con molta attenzione alla Coppa dei Campioni. Un obiettivo certamente alla portata della "Soldi family". Ma e' chiaro che nulla sarà lasciato di intentato per provare a rivincere lo scudetto. Debora Moretto, la lanciatrice italiana, è ormai una sicurezza ed il resto della squadra è solido. Il ritorno all'attività di Veruska Paternoster, attualmente ferma per un piccolo problema fisico, potrà portare un tassello in più di potenza ed esperienza.

Il Forlì, vicempione in carica, sembra una macchina da guerra. Le lanciatrici sono Nicole Di Salvio, Leslie Malerich, Jennifer Spediacci (sperando che recuperi completamente dopo lo stop forzato per il grave problema alla mano) e Michelle Kingi (per la partite della lanciatrice straniera). Una pedana formata da quattro regine. A riceverle, due elementi del calibro di Natalie Anter ed Eva Trevisan. Gli interni sono le sorelle Michela e Stefania Vitaliani, Sabrina Del Mastio e Charlene Pouaka. All'esterno si alterneranno Annalisa Turci, Sabrina Comberlato, Carlotta Zauli e poi le sorelle Lolli, Rossi e la giovanissima Zoli. Insomma, il Fiorini Forlì è completo e sarà fortissimo in pedana, in difesa e in battuta.

Caronno vuole almeno ripetere il campionato scorso. Per farlo, si affida ai lanci di Sun Yue Fen e Francesca Vago. Dal Nuoro è arrivata Shelly Gwinne, interno di assoluto valore e ottima mazza (.396 la sua media battuta nel 2003), e pare sia sulla strada del ritorno in Lombardia anche Tobin Echohawk. Con queste due, più la talentuosa giovane/veterana 21enne Ilaria Pino in ricezione, il diamante interno del Caronno sarebbe davvero ben sistemato. Il resto della squadra è rappresentato quasi per intero da giovani giocatrici di buona qualità.

Nuoro l'anno scorso colse un sorprendente e felice quarto posto. Quest'anno ha "svecchiato" la squadra e, a tutt'oggi, è ancora in attesa delle giocatrici straniere. Se arriveranno due atlete di valore, la squadra potrà fare quel salto di qualità necessario affinché la bella sorpresa si ripeta, altrimenti le isolane potrebbero andare incontro ad una stagione di transizione. Tra i coach, la cubana Luisa Medina.

Infine, il Macerata. E' una delle candidate alla finale. Da fine maggio/primi di giugno,tornerà nelle Marche Susy Bugliarello (e scusate se è poco), pronta a giocarsi anche l'avventura della nazionale ad Atene. L'altra partente sarà Daniela Castellani che,ovviamente, non farà mancare il proprio apporto anche in battuta. Dal Nuoro è poi arrivata la batteria Petracchi - Fantetti a garantire ulteriore esperienza e potenza nel box. Marta Gambella, la "capitana", guiderà gli interni mentre Francesca Francolini (.363 la sua mb nel 2003) sarà la solita "killer" in battuta. Si registra poi il ritorno in casa Mosca di Natalia Cimin, esterno velocissimo, gra ladra di basi e ottima mazza (.324 l'anno scorso col Caserta). L'impressione è che il Macerata sia una squadra potentissima, pronta alla sfida tricolore.

Flavio Semprini

Inizio Indice Editoriale

Indietro

 

Dati Anteprima.net